Vai al contenuto

Gioco online. Ist. Friedman: "aumento tasse indiscriminato è un favore all'illegale". Ughi: "la finta lotta alla ludopatia". Serie A sul piede di guerra

La manovra economica ed il tanto discusso maxi emendamento (che riguarda anche il gioco online) è stato approvato in Senato nella notte in attesa della votazione alla Camera. Con il Decreto Dignità e questo indiscriminato aumento della tassazione, sembra chiaro che il Governo voglia distruggere, pezzo dopo pezzo, il mercato legale dell'e-gaming. Nel frattempo il mondo del calcio italiano è sul piede di guerra per il divieto delle sponsorizzazioni e della pubblicità.

Poker online: il Governo impone aumento della tassazione al 25%, più rake per tutti i giocatori? Stangata anche nelle scommesse. Stime sballate

Il 2018 si chiude all'insegna dello slogan: più tasse e rake per tutti nel poker online italiano a seguito della manovra del Governo Conte. Per rendere credibili le stime sull'aumento delle entrare fiscali, però l'unico passo è la liquidità internazionale. Nel caso contrario un incremento del gettito (per un gioco in crisi da anni) è impensabile per il poker.

Corte dei Conti: a Saint Vincent "gravemente compromessa la situazione finanziaria del casinò". 18 politici condannati a pagare €30 milioni

Il 2018 può essere ricordato come l'anno nero dei casinò italiani: prima il fallimento di Campione d'Italia, poi il dissesto finanziario certificato dalla corte dei conti regionale per Saint Vincent (in concordato preventivo). In questi mesi i nodi sembrano venire al pettine delle gestioni pubbliche dei casinò stritolati dalla morsa della politica e dei sindacati. Ed il poker live italiano sembra pagarne le conseguenze.

WSOP tasse: che mazzata per il francese Labat costretto a pagare il 44% al fisco, Cynn perderà $3,8 milioni!

Gli esperti fiscalisti dello studio "Clayton Financial and Tax" di Las Vegas, come vuole tradizione, hanno pubblicato anche quest'anno l'analisi sugli oneri fiscali che dovranno rispettare i finalisti del Main Event WSOP. E' stata una delle edizioni con più giocatori al via, ben 7.874 concorrenti ed il montepremi del final table è stato da paura ed ha rappresentato un bel business per le agenzie fiscali.