Gioco legale e responsabile

Live

Day 6 Main WSOP 2019: il Kappa al river che fece sussultare Sammartino (video)

Ci sono mani e colpi che spostano in maniera decisiva le sorti di un torneo per i giocatori. Lo spot che vi raccontiamo oggi ha come protagonista suo malgrado, Sam Greenwood. Il canadese si vede deplodere gli assi al river in monster pot al day 6 del main event WSOP 2019, abbandonando la corsa nel momento topico dell'evento. In tutto questo c'è la reazione incredula di Dario Sammartino: semplice spettatore, ma colpito dall'esito della mano. 

Scritto da
23/03/2020 14:00

3.592


Greenwood vs Su, botte da orbi

Siamo nel day 6 del main event WSOP 2019. Poco meno di 40 giocatori in lizza nella penultima giornata, sulla strada che conduce al tavolo finale del campionato del mondo. Players occasionali e big lottano fianco a fianco in una battaglia senza esclusione di colpi. Al TV table ci sono Sam Greenwood e immediatamente alla sua sinistra Dario Sammartino. Ma soprattutto c’è il netto chipleader del main event in quel momento, vale a dire Timothy Su. Dario in questa mano farà da spettatore dopo aver foldato da under the gun, ma diventerà a sua volta protagonista nel finale della mano grazie al suo stupore.

Sam Greenwood

Si gioca il livello 31, 125.000-250.000 big blind ante 250.000. Su è in fuga al comando del count con quasi 30 milioni di pezzi e da middle position apre le danze a 500.000, dopo aver spillato 10 9 . Tutti foldano e da grande buio Sam Greenwood ha a a . Una situazione alquanto interessante per il canadese che 3betta lunghissimo a 2.500.000. Il rivale ci pensa e poi chiama, portando il piatto a 5.375.000 unità. Si passa in heads up al flop e le tre carte comuni recitano: q j 4 .

La coppia d’assi di Sam è sempre avanti 78%, ma dall’altra parte Timothy Su sale al 21%, grazie al progetto di scala bilaterale. Check di Su e Greenwood, con 13.100.000 chips totali esce 1.8 milioni. Call dell’avversario e si passa al turn, con il pot che recita 8.975.000 unità. La mano prende sempre più forma.

Quel river che fa disperare anche Sammartino

In quarta strada scende un j che lascia sempre avanti la coppia di Sam Greenwood. Il canadese runna adesso all‘82%, contro il 18% del rivale che conta sempre sui soliti otto outs per portare a casa il colpo. Ancora un check di Su e nuova bet di Sam a 3.5 milioni. Una size molto leggera, come evidenziano anche i telecronisti americani. Su cade di nuovo in riflessione e poi annuncia un raise a 11.300.000. Di fatto, mette ai resti il canadese che ha ancora 7.8 milioni di pezzi a comporre la parte restante di stack.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il momento dello “scoppio”

Sam appare infastidito dalla mossa del rivale. Sbuffa, si toglie il cappello, gesticola. Capisce di essere davanti ad un bivio decisivo. Se chiama e vince vola al comando del count, se perde è invece fuori dai giochi. Insomma, il famoso colpo che sposta e non poco. Alla fine chiama ed è ancora avanti rispetto al progetto del chipleader. Ma le sorprese sono dietro l’angolo e un clamoroso k assegna il pot da 31.5 milioni a Su, con Sam Greenwood fuori dai giochi in un momento topico del main event. Incredibile anche la reazione di Dario Sammartino che si porta le mani alla testa e resta basito davanti al verdetto del board.

Il video della mano

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento