Vai al contenuto

“Chino” Rheem vince il Five Diamonds

Era entrato al tavolo finale del Main Event WSOP come uno dei favoriti tecnici, uscendo poi in 7° posizione tra mille recriminazioni e una maledetta Q di picche al flop. Ora David ‘Chino’ Rheem si e’ ripreso quello che la sorte gli aveva tolto il 9 novembre, aggiudicandosi l’ultimo grande evento del 2008 pokeristico: il "WPT Doyle Brunson Five Diamonds Poker Classic" al Bellagio di Las Vegas, superando nell’heads up finale Justin Young, al termine di un tavolo finale ben giocato da tutti e sei i partecipanti. Lo schieramento iniziale vedeva Steve Sung in testa, dopo un day 5 in cui aveva fatto la voce grossa. Ecco la situazione di partenza del final table:

Seat 1. David "Chino" Rheem – 4.240.000 (foto in alto)
Seat 2. Amnon Filippi – 2.750.000
Seat 3. Hoyt Corkins – 2.295.000
Seat 4. Steve Sung – 5.885.000
Seat 5. Justin Young – 2.410.000
Seat 6. Evan McNiff – 4.805.000

Curioso come Rheem abbia vinto nonostante il lavoro "sporco" sia stato fatto quasi per intero da Young. E’ infatti quest’ultimo ad eliminare Corkins in 6° posizione (AK vs AQ e board liscio), e sempre lui a fare un doppio player out in una mano pazzesca: lo short Filippi va allin preflop, Young fa reraise allin a sua volta per isolarsi, ma a sorpresa anche Steve Sung dichiara call per il suo allin. Young copre entrambi i giocatori e si va allo showdwon a tre:

Amnon Filippi: 99
Justin Young: AA
Steve Sung KK

Il board 7 4 4 3 J non cambia nulla, così Filippi termina in 5° posizione, Sung in 4° e Young prende una netta chiplead!

Rheem si occupa poi personalmente dell’eliminazione di McNiff, e così si arriva all’heads up che vede comunque Young in prevedibile vantaggio: 14.100.000 a 8.185.000. Rheem sfrutta la maggiore esperienza e si porta a condurre, ma Young si mostra avversario degno e i due si passano il testimone del comando più volte.

*bannersx*La mano decisiva si ha quando, con Rheem in vantaggio di chips, Young fa call al raise preflop di quest’ultimo. Dopo il flop Q 8 3 Young checka, Rheem fa la sua continuation bet e Young fa raise allin, sapendo che questa giocata Rheem l’ha fatta qualche altra decina di volte totalmente in bianco…sfortunatamente per lui "Chino" stavolta gira KK, mentre Young può vantare solo Q5 per una top pair che finisce per essergli fatale. Justin Young finisce così secondo per un premio comunque fantastico di 938mila dollari, mentre David Rheem si aggiudica questa edizione del "WPT Doyle Brunson Five Diamonds Poker Classic" e un assegno da 1 milione 538mila dollari!

Scopri tutti i bonus di benvenuto

1°: David "Chino" Rheem – $1.538.730
2°: Justin Young – $936.760
3°: Evan McNiff – $540.440
4°: Steve Sung – $396.206
5°: Amnon Filippi – $288.235
6°: Hoyt Corkins – $216.175

David "Chino" Rheem può finalmente dimenticare quella donna di picche al flop: quella mano del tavolo finale più famoso di sempre in cui manda con AK, trovando il call del futuro campione Eastgate con AQ gli era sembrata l’inizio della sua corsa verso il titolo e la gloria. Una Q di picche aveva vanificato tutto. Ieri "Chino" sarà riuscito finalmente a dimenticarla…

 

 

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".
MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI