Gioco legale e responsabile

Online

“Nutsinho” dice basta col poker fino alle WSOP 2012!

Scritto da
03/11/2011 08:47

4.142


Richard Lyndaker resta in attivo di oltre 1.300.000 $Lo aveva preannunciato, Richard “nutsinho” Lyndaker, che l’idea di abbandonare temporaneamente il poker online fosse più di un’ipotesi: dopo un downswing che quest’anno lo ha portato a perdere un milione di dollari lo statunitense ha deciso di prendersi una lunga pausa fino alle prossime World Series Of Poker.

Difficile dire cosa si possa provare a perdere una somma simile dopo essersi confermati per lungo tempo come dei vincenti: stiamo infatti parlando di un giocatore che ha saputo battere con profitto per oltre 300.000 mani il $25/$50 di PokerStars, ma se il No Limit Hold’em 6-max ha per lui pochi segreti i dolori per Richard portano il nome di Pot Limit Omaha.

Difficile dire se “nutsinho” sia tecnicamente preparato abbastanza per giocare questa variante 6-max ai limiti $100/$200, ma una cosa è certa: la fortuna non gli ha sicuramente dato una mano. Perdere infatti 1.167.000 dollari in meno di 20.000 mani è oggettivamente mostruoso: anche ammettendo non abbia edge contro alcuni dei regular del livello, un tonfo tanto clamoroso non può spiegarsi semplicemente con un handicap tecnico, visto che stiamo comunque parlando di un professionista di alto livello.

Tra l’altro Lyndaker non è tipo da lamentarsi spesso, ed il fatto che lo abbia iniziato a fare con una certa frequenza proprio in concomitanza con risultati del genere nel cash game è un’ulteriore conferma di quanto il tunnel che abbia imboccato non sia imputabile soltanto ad una sua non perfetta conoscenza del PLO in relazione agli altri, temibilissimi regular.

Lascio ufficialmente il poker fino alle WSOP 2012 – ha scritto qualche ora fa su Twitter – è tempo di vivere un po’…”: parole scarne ma terribilmente chiare, adatte per un momento in cui in fondo sembra non esserci molto da dire, se non arrivederci…

(Photo courtesy of Pokerakademia.com)

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento