Vai al contenuto

Esfandiari ingannato da un tell… sono dolori al One Drop

antonio-esfandiariPuò una lettura sbagliata di un tell farti perdere una mano chiave ad un tavolo finale? Ad Antonio Esfandiari è capitato durante il One Drop, il prestigioso High Roller delle WSOP.

Guarda caso, la sua fase calante è iniziata proprio dopo il bluff subito da Chris Klodnicki, stimato professionista statunitense capace di vincere nei tornei live più di 7 milioni di dollari e 1,6 negli MTT online. Klodnicki alla fine dei giochi è arrivato al secondo posto, Esfandiari al quarto.

A carte scoperte si è scoperto che ‘The Magician’ ha subito un grosso bluff al river, molto probabilmente per aver letto male un tell involontario dell’avversario.

Siamo a metà del tavolo finale e Esfandiari rilancia per 625.000 con a 4 , il piccolo buio folda e dal big blind Klodnicki fa call con j 8 .

Il flop a 9 6 serve un bel flush draw a Klodnicki e una top pair ad Esfandiari. Entrambi propendono per il check.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Al turn 3 , check raise di Klodnicki per 1,5 milioni su bet di Esfandiari per 550.000. Call di ‘The Magician’.

River 10: Klodnicki con aria sicura mette al centro del tavolo 3,3 milioni di chips su un  piatto da 4,6 e Esfandiari inizia a pensare per diversi minuti. Alla fine folda, scendendo nel chipcount a 13,6 milioni. Klodnicki lo sorpassa.

Interessante l’analisi di Klodnicki pubblicata da CardPlayer: “un asso debole era nel range di Esfandiari. Se non aveva nulla, al turn foldava. Una volta che ha chiamato sulla quarta strada, ho capito che qualcosa aveva per forza. Lui è abbastanza bravo a controllare il flop con un asso debole. Dopo il call al turn ero sicuro che avesse una coppia. E’ stato un bel river per me perché ho potuto rappresentare 8-7. Per questo ho pensato che se scommettevo, potevo convincerlo a foldare abbastanza spesso”.

Il bluff però sembra abbia avuto successo per un altro motivo, come Klodnicki spiega: “Esfandiari mi ha detto che avevo uno sguardo molto sicuro e per questo ha foldato. Ma non lo ero affatto. Stavo cercando solo di rilassarmi e guardavo il dealer. Gli ho sorriso solo per stare più tranquillo”. E così ‘The Magician’ è rimasto tradito da un grosso equivoco, perdendo un grosso pot, forse decisivo per la sua vittoria finale.

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.