Vai al contenuto
gaelle-garcia-diaz

Gaelle Garcia Diaz spodesta Maria Ho e firma per il Battle of Malta (rinnovo ufficiale con Portomaso)

Squadra che vince non si cambia, o quasi. Lo stesso vale per il Battle of Malta che ha annunciato la nuova madrina del torneo: sarà la modella belga Gaelle Garcia Diaz raccoglie il testimone della carismatica Maria Ho.

gaelle-garcia-diaz
Gaelle Garcia Diaz, la nuova madrina del Battle of Malta

Per tutto il mese di dicembre sull’isola si erano diffusi rumors (da fonti molto attendibili) di una trattativa aperta tra gli organizzatori del Battle of Malta e il Casinò Malta (nuova sala da gioco gestita dal gruppo baltico Olympic) per uno storico divorzio. Il motivo?

Il celebre torneo non aveva ancora rinnovato il contratto con la sua sede naturale, la location storica (Casinò di Portomaso) ma è arrivata la svolta in queste ore e BOM ha annunciato il rinnovo del contratto con la sala di proprietà di Tumas Group (Hilton Malta).

Uno dei tornei low stakes più popolari in Europa rimane fedele al format che lo ha reso celebre (coinvolgimento attivo dei partner online) ma annuncia alcune modifiche. Approfittando dell’assenza (molto probabile) in calendario del PokerStars Championship (ex EPT), il Battle – come vi avevamo anticipato – punterà su un’edizione speciale.

Ivonne Montealegre, ideatrice del BOM ed Event Director, ambisce non solo a superare le 2.000 entries nel Main Event (l’anno scorso si registrò un nuovo record di 1.813) ma rafforza l’offerta dei side, trasformando il Battle in un festival dalla durata di una settimana.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il buy-in sarà sempre di 550€ con un montepremi garantito di €900.000 (il prizepool nel 2016 fu di €879.305) ma sono previsti GTD anche per gli eventi collaterali. Ma la novità in assoluto è senza dubbio la presenza come testimonial di Gaelle Garcia Diaz che, dopo un lungo periodo di stop, ritorna sulle scene pokeristiche. A lasciarle spazio sarà Maria Ho.

COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.