Vai al contenuto

La storia dei fratelli Mizrachi: dall’inizio come dealer, alla leggenda del camper

Qualche anno fa, quando sui giocatori di poker c’era da raccontare questo e pure quell’altro, bazzicavano dei personaggi che facevano parlare di sé non solo esclusivamente per le loro vittorie ai tavoli, ma anche, e in qualche caso soprattutto, per le loro scorribande fuori dalle case da gioco, come, ad esempio, i fratelli Mizrachi.

Michael Mizrachi e i suoi fratelli

Tra leggenda e realtà, nella prima decade del nuovo millennio, venivano fuori dall’anonimato, tutta una serie di fratellini il cui cognome, non passava certo inosservato, Mizrachi. Il mito di questi signori deriva da un mezzo di trasporto.

Alle WSOP del 2010, tra le altre cose, i 4 fratelli “Miz” si trasferirono con un camper, anche se tutti loro, chi più chi meno alloggiava in albergo.

Il fascino delle trasferte era accresciuto, allora, dall’attesa del viaggio insieme. Il torneo era solo una scusa per stare tutti uniti, anche se gli accordi su eventuali vincite da parte di uno di loro, erano sempre molto dettagliati.

Da Miami ai vertici

La famiglia Mizrachi cresce a Miami e da lì comincia l’avventura, che vedrà il leader dei quattro fratelli, Michael, a diventare uno dei giocatori più vincenti al mondo.

Anche se potrebbero esserci delle controversie su quale giocatore di basket potesse essere il preferito di ognuno di loro, non c’è dubbio che questo quartetto di famiglia cercasse di raggiungere obiettivi comuni che all’epoca i Miami Heat raggiungevano con facilità grazie ai Big Three.

Nel 2010 i big del poker erano 4: Michael (“Grinder”), Rob, Eric (“EWee”) e Donny (“Magic”). Al secolo i fratelli Mizrachi. Tutti e quattro passarono al Day 3 delle World Series of Poker con stack superiori alla media.

Su un average di 80.000 a fine Day 2, passarono tutti con uno stack di almeno 145.000, quello di Eric.

Eric, tra i fratelli Mizrachi, è il gemello di Michael.

“‘Stupefacentenon è la parola che userei considerando quanto talento hanno i Mizrachi, ma se tutti e quattro dovessero andare avanti nel torneo, sarebbe sicuramente una primizia nella storia delle WSOP

Queste furono le parole dello storico residente delle WSOP, Nolan Dalla.Abbiamo avuto fratelli, coppie, padri e figli e altri parenti che hanno messo la bandierina insieme nello stesso evento, ma ottenere tre o anche quattro fratelli che vanno ITM in un evento sarebbe qualcosa di incredibile. Siamo ai primi due capitoli di quella che potrebbe essere una storia fantastica“.

Fu Rob, il fratello maggiore dei quattro a 31 anni, a fare la prima incursione nel poker, segnando la strada ai suoi fratelli attraverso le proprie esperienze.

Gli inizi con mamma Susan

Una vena iniziale di passione verso il gioco, fu originata da mamma Susan. La paghetta settimanale dei 4 fratelli, veniva quasi sempre impiegata per l’acquisto delle figurine di basket e baseball, figurine che immancabilmente finivano su un tavolo da gioco per fare da “chips” ai piatti della partita di poker in svolgimento.

Mizrachi
Michael Mizrachi festeggia il teerzo 50k PPC con i fratelli: da sinistra Daniel, Eric (gemello di Mike) e Robert

Dalle partite casalinghe per le figurine di baseball, la posta in gioco è cresciuta. Dopo un tentativo come ristoratori, Rob e Grinder hanno accettato di lavorare come dealer ai tavoli da poker.

“Notavamo quanto stavano giocando male le persone dall’altra parte del tavolo”, disse Rob in un’intervista per Pokernews. “Dicevamo tipo, ‘Al diavolo, andiamo dall’altra parte del tavolo e prenderemo i loro soldi”.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

I risultati dei fratelli Mizrachi

Dopo l’inizio comune che li ha portati a girare per tutto il mondo per un periodo delle loro vite, non tutti sono riusciti a mantenere fede all’impegno iniziale.

Dopo un po’, per forza, gli interessi variano. Qualcuno si stacca per costruirsi una famiglia, alcuni vogliono tornare alle loro attività. La magia si spezza.

D’altronde il mondo non è solo poker e i 4 fratelli lo dimostrano spezzando il loro patto.

Tra le leggende di questo gioco, Michael “The Grinder” è certamente il fratello che ha piazzato le zampate migliori. Vincitore di 17,3 milioni di dollari in carriera, Mizrachi è quarto nella cAll Time Money List della Florida, 24° in quella statunitense e 44° in quella mondiale.

Robert è quello che megli degli altri lo ha imitato. Per lui 7,8 milioni di dollari messi in tasca fin qui.

Per entrambi la carriera di giocatore non si è mai conclusa, visto che l’ultimo risultato risale per tutti e due allo scorso dicembre.

Eric ‘E-WeE’ Mizrachi, pur avendo vinto decisamente meno dei due più conosciuti fratelli, è a quota $277.000, ma anch’egli continua a giocare.

“Donny” è il giocatore che meno ha prodotto a livello di risultati, ma è anche quello che ha giocato di meno. Per lui un solo risultato nel 2021, a novembre, peraltro dopo un’assenza di due anni.

 

 

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".