Vai al contenuto

Poker Live: Simone Andrian scatenato nel main WSOPC e 11 azzurri volano al day 3

Poker Live che prova a colorarsi di azzurro al King’s Casinò. Il main event WSOPC ci consegna 11 italiani in lizza per il ring, anche sé la strada si annuncia lunga ed irta di pericoli. Simone Andrian scatenato e piazziamo 4 players nella top ten che diventano a loro volta 6 in top 12. Numeri che fanno ben sperare. Intanto al $3.500 WPT LHPO dei record, sono rimasti in 87 a contendersi la vittoria finale e con tanti colpi di scena.

Poker Live: Campanile sbolla il main

Il poker live vive di sussulti e speranze, grazie al €1.700 main event WSOPC. Il day 2 al King’s Casinò vede la late registration aperta ancora per due livelli: una finestra temporale che viene opzionata da altri 112 players. Il totale dei paganti raggiunge quota 808, per un montepremi netto di 1.189.780 euro che supera senza problemi il garantito di 1 milione.

La zona premi è riservata a 87 piazze, con le ricompense che spaziano da un minimo di 3.303 euro, fino a raggiungere la prima moneta da 204.053 bigliettoni. Non solo, ma i primi 12 classificati portano a casa anche il ticket da 10.000 euro per il prossimo main event WSOPE 2022. Una quarantina gli azzurri ai nastri di partenza del day 2 e il main event vive una fase amara per i nostri colori proprio in bolla.

Andrea Ricci

Enrico Campanile cerca il raddoppio a 88 left con A-Q, ma incoccia su A-A di un rivale e risulta l’ultimo giocatore a mollare la presa senza alcun premio in mano. Poco prima erano arrivati i titoli di coda per Andrea Ricci: il campione uscente dice addio al clamoroso bis. Scoppiata la bolla, escono fra gli altri Angelo De Marco (87°), Danilo Donnini (80°), Claudio Romeo (74°), Filippo Ragone (66°) e Massimo De Mario (63°). I 5 eliminati a premio, uniti agli 11 promossi al day 3, certificano l’ingresso a premio per 16 italiani.

Poker Live: Simone Andrian scatenato

Poker Live sempre più intenso al King’s. Allo stop della seconda giornata Simone Andrian è il migliore della nostra truppa. Il braccialettato WSOPE 2021 è scatenato con 1.703.000 pezzi. Centra la terza piazza nel count, alle spalle del duo olandese composto da Mahersh Selvakumaran (2.507.000) e Ronnie Lemmens (1.912.000).

Simone Andrian e il bracciale vinto lo scorso dicembre alle WSOPE 2021 by Pokernews.com

A ridosso del podio virtuale, ecco Matteo Cirillo che con 1.700.000 si candida a sua volta ad un ruolo da protagonista. Nella top 10, spuntano poi le sagome di Matteo Calzoni e Simone Miracoli, rispettivamente a quota 1.052.000 e 989.000 unità. Ottime prestazioni poi per Michael Ugucctoni e Antonio Crocetta, divisi da appena mille chips con 949.000 e 948.000 gettoni.

A metà gruppo spunta la sagoma di Mattia Verzelletti (683.000), con Claudio di Giacomo poco distante a quota 654.000. In attesa dello spot ideale altri due azzurri si portano in agguato: Matteo Baroni (482.000) e Alessandro Pichierri (471.000). Infine, miracolo cercasi per Claudio Daffinà che riparte sul fondo del count con 151.000 fiches. 59 i players che varcano la soglia della terza giornata e tutti hanno almeno 3.730 euro in tasca.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Il count azzurro a 59 left

  • Simone Andrian 1.703.000
  • Matteo Cirillo 1.700.000
  • Matteo Calzoni 1.052.000
  • Simone Miracoli 989.000
  • Michael Ugucctoni 949.000
  • Antonio Crocetta 948.000
  • Mattia Verzelletti 683.000
  • Claudio Di Giacomo 654.000
  • Matteo Baroni 482.000
  • Alessandro Pichierri 471.000
  • Claudio Daffinà 151.000

Poker Live: donne al potere nel WPT dei record

Spettacolare l’azione del poker live, anche dall’altra parte dell’oceano. In Florida, per il $3.500 WPT Lucky Hearts Poker Open, il field si è assottigliato in maniera netta nel corso del day 2. Da 593 qualificati ad 87 che staccano il pass per la terza giornata, con il passaggio attraverso lo scoppio della bolla. Ricordiamo che al Casinò Hard Rock Cafè di Seminole in 1.928 si sono lanciati nella mischia e polverizzando il record di presenze dello scorso anno.

La zona premi concerne 248 posizioni su cui sono spartiti i 6.342.400 dollari di prize pool: praticamente tre volte il garantito di 2 milioni di bigliettoni fissato alla vigilia. L’ultimo a mancare le ricompense è Almog Biton che spera con K-K, ma si vede superare da A-10 di Armando Figueroa che hitta un asso al turn.

Erik Seidel principiante
Erik Seidel by Pokernews.com

Da quel momento inizia un’altra sorta di torneo nel torneo, con diversi big che dicono addio ai sogni di gloria: Chad Eveslage (241° – $6,275), Darryl Fish (240° – $6,275), Chris Moorman (183° – $6,615), Mike Vela (137° – $7,310), Erik Seidel (128° – $7,815) e Eric Afriat (103° – $8,450). La seconda giornata si conclude a 87 left, con Jacob Ferro al comando forte di 2.235.000 chips.

Beffata al foto finish Cherish Andrews. La quota rosa non solo è stata la vera sorpresa del torneo, ma ha dominato a lungo in testa al count, prima di cedere la prima piazza a Ferro. Cherish si accomoda al secondo posto e con 2.200.000 promette battaglia. Promossi poi i vari Jeremy Ausmus (2,105,000), James Carroll (2,030,000), Omar Lakhdari (1,415,000) e Scott Baumstein (340,000). Gli 87 left hanno in tasca almeno 10.215 dollari. Oggi la discesa fino a 16 left per il day 3.

La top 10 del day 2

  1. Jacob Ferro 2,235,000
  2. Cherish Andrews 2,200,000
  3. Arian Stolt 2,145,000
  4. Jeremy Ausmus 2,105,000
  5. Matt Higgins 2,045,000
  6. James Carroll 2,030,000
  7. Alex Nguyen 1,950,000
  8. Frederic Normand 1,815,000
  9. Joshua Kay 1,540,000
  10. Michael Miravi 1,425,000
Nel mondo del giornalismo sportivo da quando avevo 16 anni, ho all'attivo quasi 800 radiocronache di eventi sportivi e quasi 10 mila articoli sportivi. Da 15 anni nel mondo del poker, del betting e del gaming. Cavallo di battaglia: "Amici Miei".