Vai al contenuto

Poker Night in America: il giornalista Steve Ruddock folda K-K preflop

Ricevere K-K è ciò che spera qualsiasi giocatore, che si tratti di un torneo o di una partita di cash game. Tuttavia, abbiamo già visto in passato che talvolta qualcuno sceglie di effettuare una mossa estrema foldando i Kings preflop. Successe al player Maiorco durante l’Only the Barracudas 15 e la stessa scena si è ripetuta nella trasmissione televisiva Poker Night in America, uno show sul cash game che nel corso del tempo ha visto prendere parte anche professionisti di fama mondiale come Antonio Esfandiari e Daniel Negreanu.

La particolarità di questo format è che alle superstars vengono affiancati sconosciuti regular dei vari casinò in cui è girato e qualche giocatore amatoriale. Uno di questi è Steve Ruddock, giornalista che si occupa di poker da lungo tempo e che è estremamente stimato per i suoi articoli… Un po’ meno per il suo gioco.

Come nel caso di Maiorco, anche qua protagonista del fold passa la sua mano nonostante sia favorito contro quella dell’avversario, ma andiamo per gradi e scopriamo l’action completa. I blinds sono 25$/100$ e Sigel apre il gioco a 150$ con a 8 . Steve Ruddock spilla k k e sceglie la 3-bet fino a 500$, che viene chiamata dalla bella Samatha Aberthy in posizione con q k .

La parola passa a Shaun Deeb, che  con a k decide di 4-bettare a 1.750$. Tutti foldano fino a Ruddock, che inizia a pensarci su e a contare il suo stack. Alla fine opta per una piccola 5-bet di 3.000$. Shaun sembra perplesso da questa mossa ma poi, ovviamente, decide di andare all-in per circa 14.000$ effettivi.

A questo punto sarebbe lecito aspettarsi uno snap call e invece non è così: Ruddock si copre la faccia disperato e continua a guardare e riguardare le sue hole cards. I commentatori, giustamente, si chiedono cosa stia facendo e quando Steve decide di lasciar vedere le sue carte ai due giocatori al suo fianco, questi scoppiano a ridere.

L’ilarità, comunque, non convince Ruddock a chiamare. La situazione ha però incuriosito tutto il tavolo, che ora vuole vedere la mano; il giornalista statunitense li accontenta e gira i suoi Kings, suscitando un putiferio di risate e prese in giro sicuramente poco piacevoli ed educate. Alla fine, dopo quattro minuti dallo shove di Deeb, Steve Ruddock decide di passare K-K preflop.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Un fold che risulta davvero poco giustificabile, soprattutto perché, contrariamente a Maiorco nell’Only the Barracudas, qua non si trattava di un torneo freezout e l’avversario non era certamente un giocatore qualsiasi ma il super aggressivo (e per nulla money scared) Shaun Deeb.

Questo il video in questione (la mano incomincia a 2:55:45):