Vai al contenuto
Bookmakers

Scommesse strategia: come battere i siti di scommesse conoscendo la differenza tra sharp e soft bookmakers, le value bet

Oggi inizieremo a capire come funzionano i siti di scommesse, i famigerati book. Nel mondo del betting assistiamo all’eterna lotta tra scommettitori e bookmakers. Ma se questi ultimi sanno tutto (o quasi) dei loro clienti, spesso però i clienti medi non conoscono nulla di come operano i siti di scommesse online e quindi non hanno la minima idea neanche di quale sia il funzionamento del mercato. Senza una minima conoscenza delle sue dinamiche, risulta molto difficile essere competitivi.

Chi scommette sulle partite di calcio o su altri sport ed è un semplice appassionato, non sa minimamente che esistono due tipi di bookmakers che hanno funzionamenti opposti. Parliamo degli sharp e i soft book.

Se il bettor non conosce il suo “rivale” diretto non si può neanche adottare la strategia giusta per batterlo. Perché ogni sito di scommesse ha le proprie peculiarità e punti deboli. Ed è su quelli che bisogna concentrarsi.

Siti di scommesse: la differenza

Questi due gruppi (sharp e soft) hanno modi diversi di gestire il rischio e di guadagnare dalle scommesse, soprattutto per quanto riguarda la percentuale di allibramento, cioè la % di probabilità, e quindi di profitto, che il bookmaker trattiene per se stesso.

Questo aspetto è importante da conoscere, soprattutto ora che alcuni bookmakers sharp stanno entrando nel mercato italiano. Queste sono le nozioni fondamentali per affrontare questo mercato molto competitivo, dove non ci sono regali.

Siti di scommesse: i soft bookmakers

I soft sono solitamente grandi aziende di gioco che operano nei mercati europei (inglese, italiano, dot com etc) e nord americani, sono multinazionali che hanno come obiettivo principale quello di aprire molti conti gioco con strategie di marketing efficaci. Sono delle vere e proprie macchine da soldi e lo fanno proprio attraverso il marketing. Se pensate al vecchio allibratore che bancava le scommesse e che pesava ogni quota, siete fuori strada. Si rivolgono soprattutto ai scommettitori amatoriali e non gradiscono i professionisti vincenti (che spesso limitano nelle puntate) e quelli che fanno arbitraggio (sure bets). La maggior parte dei book che conoscete rientrano in questa categoria.

Hanno margini ampi (con percentuali di allibramento che in media sono intorno al 5%-6% ma che possono arrivare anche all’8% per le scommesse secondarie e laterali).

Percentuale di allibramento nelle scommesse: cos’è?

La percentuale di allibramento è detto anche aggio e spesso si fa riferimento anche alla lavagna del book. Vi spieghiamo il significato in parole molto semplici: è un margine che il bookmakers conserva ed è calcolato in termini di probabilità al momento di calibrare le quote su un evento sportivo (come fanno i casinò nei giochi che hanno un edge probabilistico). Probabilità che nel lungo periodo si trasformano in profitto.

Vi faccio un esempio banale: lancio di una moneta perfetta, le quote delle scommesse relative a ogni lancio dovrebbero essere 2.00 testa e 2.00 croce, ovvero al 50% di probabilità per l’esito testa e 50% per l’esito croce. In questo caso è una scommessa equa perché la somma è 100%. Ma i bookmakers bancano le scommesse al 104%-106% a volte anche 108% trattenendo addirittura dal 4%-8%.

Se il bookmaker paga gli esiti dei lanci della monetina a 1.90 (52,6%) – 1.90 (52,6%), in questo caso ha un vantaggio (enorme) sullo scommettitore. Il book trattiene 0,10 sia per testa che per croce, ovvero in termini di probabilità ha un vantaggio su quella scommessa del 5,2% (2,6% + 2,6%). Questa è la commissione, lo svantaggio che lo scommettitore paga al bookmaker. Si chiama quota o percentuale di allibramento in gergo tecnico.

Comparazione offerte scommesse

Scommesse Scommesse
Extra bonus
Fino al 31 dic 2024
Salva il bottino
Con Salva il bottino, si possono conquistare sino a 5.000€ di bonus scommesse solo rispondendo ad alcune domande.
INFO

AGGIORNAMENTO: Attenzione ai periodi promozionali! Vi sono periodi in cui questa promozione aumenta di valore, sino a mettere in palio 5.000€!

Con la promo Salva il Bottino si possono vincere soldi veri, in modo del tutto gratuito.

Basta solo rispondere ad una serie di 13 domande.

Sisal eroga un capitale virtuale che il giocatore dovrà distribuire a piacimento sulle risposte "si" o "no" su alcune domande, oppure puntare tutto su una delle due risposte.

Dopo l'ultima domanda esatta, il bottino sarà conquistato!

Esempio

Supponiamo che la prima domanda sia: "In Milan Roma, entrambe le squadre andranno a segno? Si o No?"

Decidiamo di puntare, dei nostri 5.000€ virtuali, 4.000€ sul SI e 1.000€ sul NO.

La gara finisce 1-1 , così il nostro bottino risulta essere di 4.000€. Con quei 4.000€ passiamo alla seconda domanda, ipoteticamente "Manchester City - Arsenal finirà in over 2,5? SI o NO?"

Possiamo distribuire i nostri 4.000€ con 3.000€ sul SI e 1.000€ sul NO.

Con il risultato di City - Arsenal si determinerà il successo della nostra risposta.

Il meccanismo si ripete sino alla domanda 13, in cui il bottino salvato verrà accreditato nel proprio conto gioco.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

5.250€

Fino a 50€ alla registrazione + 200€ Fun bonus + 5.000€ con "Salva il bottino"

5.000€
Scommesse Scommesse
Rimborso
Fino al 31 dic 2024
0-0 – Bonus in caso di parità
In caso di 0-0 finale, su Bet365 si otterrà un rimborso della giocata
INFO

Scommettendo su alcune partite di calcio del palinsesto di Bet365, in caso di risultato finale di zero a zero, la scommessa può venire rimborsata.

Basta effettuare una scommessa pre evento sui mercati Risultato/Entrambe le squadre segnano, Totale goal/Entrambe le squadre segnano, Entrambe le squadre segnano nel 1°/2° tempo, Risultato esatto o Parziale/Finale su qualsiasi incontro di Calcio.

Qualora l'incontro terminasse sullo 0-0 e la propria scommessa fosse perdente, si otterrà un bonus dello stesso valore della giocata.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

100€

Bonus del 100% sul primo versamento sino a 100€

20€
Scommesse Scommesse
Quota maggiorata
Fino al 31 dic 2024
Quota maggiorata
Per i nuovi giocatori, Bet365 offre una lunga serie di quote maggiorate, ovvero di quote superiori alla media
INFO

Per i nuovi giocatori di Bet365 (e per una selezione di quelli attuali), vi sono degli eventi a cui il bookmaker offre una quota maggiorata, ovvero una quota più alta rispetto a quanto lo sarebbe stata normalmente.

Per usufruirne, è sufficiente recarsi nella pagina sport di un determinato evento, e notare quante quote siano contrassegnate con una freccia verde, accanto ad altre quote barrate: quelle sono le quote maggiorate, e per giocarle sarà sufficiente selezionarle così da aggiungerla alla schedina.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

100€

Bonus del 100% sul primo versamento sino a 100€

Quote maggiorate
Compara tutte le offerte

Se invece il book le paga a 2.10, in questo caso il vantaggio è del bettor (è la classica scommessa di valore, value bet). Perché le probabilità di uscita di testa o croce sono al 50%, ma viene pagato il bettor, in caso di vincita, 0,10 centesimi in più ovvero viene pagato come se la probabilità fosse al 47,6% e invece è al 50%.

Quindi quando trasformiamo le quote in probabilità (basta fare la divisione 100/quota, per esempio quota 2 è 100/2 ovvero 50% di probabilità) e sommiamo i tre esiti (1-X-2) dovremmo ottenere un totale pari a 100. In realtà non è così, di solito è 105%-106%, quel 5%-6% è la commissione che paghiamo ai bookmaker.

Strategia scommesse: le quote sbagliate (value bets) sono più frequenti sui soft bookmakers

I soft bookmakers hanno una quota di allibramento (detta aggio) più alta degli sharp bookmakers. Più l’aggio è alto per il bookmaker più le quote in media sono errate a svantaggio dello scommettitore. Questa è la regola generale.

Ma attenzione, questo non significa che non offrano opportunità, al contrario (continuate a leggere!). Infatti, spesso, in base ai volumi di scommessa, per bilanciare il rischio e assicurarsi l’aggio, i quotisti modificano le quote e creano occasioni interessanti. Inoltre i soft bookmakers hanno una gestione del rischio spesso sbagliata che viene delegata da società esterne che non conoscono alla perfezione il mercato nel quale opera il sito di scommesse.

Nonostante una lavagna così vantaggiosa per il banco, molti di questi bookmakers, in alcune occasioni offrono quote “sbagliate”, più alte anche rispetto ai bookmakers sharp proprio per bilanciare il rischio (perché magari sono esposte su un segno come può essere Over 2.5 e allora aumentano la quota sull’Under 2.5 per bilanciare i volumi raccolti).

Si tratta di casi rari ma quando succede, molto spesso si tratta di value bets, scommesse di valore (che devono essere l’obiettivo principale di ogni scommettitore). In genere le scommesse di valore sono legate al timing, il mercato online dei siti di scommesse è oramai interconnesso e, considerando le occasioni di arbitraggio, il denaro si muove così rapidamente che spesso il mercato corregge le quote nel giro di poche ore se non minuti. Mi spiego meglio: se una quota è molto più alta della media del mercato, il mercato stesso induce i bookmaker a correggerla perché gli scommettitori skillati se ne accorgeranno e prenderanno di mira quella quota. Arriveranno fiumi di denaro su quel esito e, per una corretta gestione del rischio, il book sarà costretto a riportare la odd al livello medio del mercato.

I ban e i limiti con i soft bookmakers

Come detto, i soft bookamers puntano molto sul marketing (offrono bonus vantaggiosi ai loro clienti) ma di solito hanno una gestione del banco, e soprattutto una elaborazione del calcolo delle quote in apertura di mercato che è spesso (come detto) esternalizzata, delegato a società specializzate esterne con tutti i limiti che questo comporta. Quindi quasi tutti i bookmakers tendono ad avere quote molto simili. Poi, in base ai volumi di scommessa, i gestori del rischio cambiano le quote. Ed è in queste dinamiche che si formano, come detto, le value bets.

I soft bookmakers sono stati la fortuna di molti scommettitori professionisti, specialmente in Gran Bretagna ma di solito la vita di queste serie favorevoli per i pro dura poco. Il bookmaker, di solito interviene e banna o limita le puntate del scommettitore vincente che, di conseguenza, è costretto ad aprire (necessariamente) conti su altri siti concorrenti che, nel lungo periodo, offrono le stesse opportunità (quote sbagliate in casi isolati).

I bookmakers asiatici e il rifugio

Per questo motivo i professionisti inglesi, americani ed europei in generale, si rifugiano nei bookmakers asiatici, una volta bannati dal mercato dei bookmakers soft. Rispetto a qualche anno fa, il ban o le limitazioni di puntata, sono diventate sempre più frequenti tra i bookmakers soft. A volte bastano un paio di puntate vincenti (con importi rilevanti) per essere limitati nelle scommesse successive, con limiti a dir poco ridicoli. Questo è comunque un male per il betting perché crea molta sfiducia sul mercato.

Sharp bookmakers

Sono siti di scommesse che lavorano su margini molto più bassi (circa 1,5%-2%) e accettano qualsiasi tipo di scommettitore. La loro forza sono i budget per le coperture e le bancate elevate e volumi raccolti molto alti (nel betting più hai alti volumi e meno rischi nel breve periodo).

Gli sharp bookmakers fanno una gestione del rischio attenta e accurata calcolando le quote giuste e pesando ogni centesimo di quota. Avendo volumi molto alti riescono a calibrarle al meglio e ottenere informazioni fondamentali per bilanciare il banco.

I bookmakers sharp sono molto apprezzati dagli scommettitori esperti, perché offrono limiti alti e non applicano ban o limitazioni ma devono fare i conti con quote che offrono pochi spunti, difficilmente troverai su questi siti di scommesse quote sbagliate.

Gli sharp bookmakers vogliono sulle loro piattaforme scommettitori skillati proprio per avere informazioni privilegiate dal mercato. In base a quello che fanno questi scommettitori capiscono come alzare o abbassare le quote sugli eventi sportivi. Nei confronti di questi clienti aumentano il grado di tolleranza proprio perché possono perdere da una parte ma guadagnare una fortuna dalla massa dei bettors.

In genere, le quote sugli sharp bookmakers sono ben calibrate e non regalano edge matematici (e quindi profitti facili) nel lungo periodo agli scommettitori, pur avendo aggi molto bassi e quindi quote mediamente alte.

I siti di betting in Italia: dove scommettere

Per orientarti nel mondo delle scommesse in Italia, proprio per renderti più informato e consapevole, Assopoker ha preparato una guida sui migliori siti di scommesse. In genere questi bookmakers offrono anche dei bonus scommesse di benvenuto. Qui totto puoi consultare una tabella informativa e comparativa:

Tabella comparativa Bonus di Benvenuto Scommesse

Il trucco dei professionisti per le value bets

I professionisti monitorano sempre le quote degli sharp bookmakers e dei siti di scommesse online asiatici per il semplice fatto che quelle sono considerate le quote perfette sul mercato, ben bilanciate e che riflettono le probabilità alla perfezione. Spesso i book asiatici anticipano anche i mercati e si muovono e modificano le quote ben prima che un infortunio o di un giocatore chiave, per esempio, o un altro evento rilevante sia reso pubblico. Controllare i movimenti di questi bookmakers è essenziale per capire dove sta andando il mercato soprattutto dei professionisti che spesso hanno informazioni riservate o hanno una capacità di lettura dei mercati migliori della media. Spesso vengono consultate le asian odds (quelle con l’handicap) proprio perché vi operano solo professionisti in quei mercati e quindi il trend delle quote si differenzia anche dalla massa inconsapevole.

Però le vere occasioni nel betting capitano quando i soft bookmakers sbagliano le quote, ovvero quando i loro prezzi sono più alti rispetto a anche agli sharp bookmakers. In quel caso, spesso, siamo di fronte a delle value bets. Ed è per questo che è importante capire quali sono i bookmakers commerciali e gli sharp book.

Quando nel mercato troviamo una quota che è più alta dei bookmakers asiatici e degli sharp in generale, con ogni probabilità siamo di fronte a una quota sbagliata e quindi favorevole allo scommettitore.

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.
MIGLIORA LE TUE SCOMMESSE CON LE NOSTRE GUIDE