Gioco legale e responsabile

Software

PioSolver, lo strumento indispensabile per chi voglia studiare la GTO

Scritto da
16/04/2015 17:29

21.079


Per i giocatori professionisti, soprattutto quelli che hanno scelto il cash game, gli ultimi anni hanno portato con sé una vera e propria rivoluzione a livello strategico, con l’introduzione di un approccio non più exploitativo ma bensì GTO.

Il problema di una strategia simile è che nessuno, ad oggi, è in grado di adottare una strategia anche solamente simile a quella che sarebbe una completamente bilanciata, questo perché il cash game 6-max è estremamente complesso da questo punto di vista. Se quindi in un certo senso anche i migliori brancolano nel buio, è altrettanto vero che è possibile adottare una strategia che sia in qualche modo ispirata all’idea di renderci “unexploitable”, ma per farlo occorre studiare, e molto. Ed è qui che nuovi software sono entrati in scena.

A differenza di programmi come Hold’em Manager o Pokertracker, non vengono utilizzati nel corso di una partita – anche perché questo non sarebbe in ogni caso consentito – visto che il loro scopo principale è quello di fornire un supporto prezioso per chi intenda studiare la GTO lontano dai tavoli, rispondendo a domande come: quanto spesso dovrei bluffcatchare al river, e quali mani sono le più indicate per farlo in questa situazione? Oppure, quali mani sono le migliori per semibluffare al turn, sempre in un determinato spot?

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

pio-solver-pv

I calcoli da effettuare in questo senso non sono banali, e così molti professionisti si avvalgono di software come “PioSolver”, che all’inserimento di determinati parametri arbitrari consentono di arrivare ad ottenere risposte di quel tipo.

Si tratta di un programma sviluppato recentemente, e pubblicizzato anche su TwoPlusTwo. Come prima cosa, chi intenda analizzare una situazione di gioco con “PioSolver” deve inserire dei range per i due giocatori coinvolti nella mano: inutile dire che un errore nell’inserimento dei range significherebbe arrivare a delle conclusioni errate.

Bisogna poi inserire il board della situazione che si intende analizzare (può trattarsi del flop, come del turn o del river), l’ammontare del piatto in quel momento (è indifferente il modo in cui si sia arrivati a crearlo preflop, anche se naturalmente questo influenzerà i range inseriti in precedenza) ed infine l’ammontare delle puntate in quella e nelle eventuali street successive, che può essere espresso sia in proporzione all’ammontare del piatto che in termini “assoluti”, ovvero inserendo l’ammontare di fiches.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Una volta inseriti questi parametri, non bisognerà far altro che clickare su “Build Tree”, ed una volta ricevuto l’ok dal programma premere semplicemente su “Go”, con PioSOLVER che comincerà ad effettuare i suoi calcoli, con i risultati espressi di fianco alla scheramata con le varie impostazioni inserite. L’intero processo richiederà alcuni minuti, e naturalmente servirà più tempo per analizzare uno spot al flop che non uno al river.

pio-solver

Dai calcoli emerge quanto la strategia dai noi elaborata si discosti dall’equilibrio di Nash e quindi quanto sia exploitable, ed una volta effettuati i calcoli il software evidenzierà non soltanto quante combo complessive dovremmo bettare o checkare ad esempio, ma anche più nel dettaglio per ogni combo di mani presenti nel nostro range con quale frequenza dovremmo bettarle o checkarle, evidenziandolo graficamente.

Per prendere confidenza con il software e sfruttarlo al massimo è quindi opportuno studiarlo dedicandoci del tempo, approfittando magari della versione gratuita di prova, che però consente di analizzare solo spot al turn ed al river, e non anche al flop: più che sufficienti, in ogni caso, per toccare con mano e capire di che si tratta.

Il prezzo non è basso: la versione “basic” costa 249 dollari, quella “pro” 475 dollari ma si ottengono anche due licenze, e tuttavia considerando che si tratta di un software che si rivolge ad un pubblico avanzato è facile immaginare come in molti siano disposti a pagare quanto necessario, pur di poter studiare con uno strumento che certo non regala la bacchetta magica ma offre un prezioso supporto.

pio-solver-3

Tag:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento