Gioco legale e responsabile

Storie di Poker

XWINK, il giocatore che moltiplicò per 500 il suo bankroll in quattro giorni

Nel 2011, XWINK, nato dalle ceneri del suo vecchio (e simile) nickname XBLINK, trasformò 4.000 dollari in 2 milioni, giocando al Pot Limit Omaha. Il canadese fu però una sorta di meteora, comparsa dal nulla e scomparsa con la medesima velocità.

Scritto da
05/05/2020 11:30

5.071


DISCLAIMER: La redazione invita i lettori a prendere queste storie per quelle che sono: casi eccezionali di giocatori che NON vanno assolutamente imitati. Vi consigliamo di giocare sempre rispettando il vostro bankroll, senza MAI rischiare denaro che non vi potete permettere di perdere. Il poker è un gioco, un divertimento, e come tale va interpretato.

La storia del poker online è ricca di aneddoti incredibili e oggi vogliamo raccontarvene uno che riguarda un giocatore esploso (in tutti i sensi) nel giro di un amen, per ben due volte: stiamo parlando di XWINK, noto anche come XBLINK.

Nel 2011, XWINK riuscì nell’impresa di trasformare un bankroll di 4 mila dollari in 2 milioni, nello spazio di appena quattro giorni. Un’ascesa rapida e ripida, al quale seguì una discesa altrettanto clamorosa. Fino alla totale scomparsa dalle scene…

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

XWINK XBLINK

In principio fu XBLINK

Prima di trasformarsi in XWINK, e lasciare la community del poker online high stakes a bocca aperta, nel 2009 è la sua prima ‘forma’, quella di XBLINK, a far parlare di sé. Il misterioso player canadese giocava sulla piattaforma Ultimate Bet, postando anche sul noto forum di Two Plus Two.

Fu proprio lui, che sul forum si firmava 89blist, a spiegare come avesse perso circa una ventina di depositi da 500 dollari ciascuno, trovandosi con gli ultimi 11 dollari sul conto. Ecco cosa scriveva all’epoca:

  • Con 11 dollari vinco un torneo e vado a 750
  • Grindo l’Omaha low stakes e salgo a 4k, passando poi al PLO 2/4, 3/6 e infine 5/10
  • Da 4k salgo a 16k giocando il PLO 5/10 e 10/20
  • Nei due giorni successivi salto dai 20k ai 60k giocando il PLO 10/20
  • Il 5° giorno comincio con il PLO 25/50 e arrivo a cifre a sei zeri
  • Dal 6° giorno ad oggi: gioco il PLO 25/50, 50/100, 100/200 e 200/400 e quando non c’è il PLO al NLO

XBLINK era riuscito a raggiungere la cifra di 1,16 milioni di dollari, diventando improvvisamente l’oggetto di discussione di tutti i poker forum e siti di informazione. Di XBLINK, però, non si conobbero mai molte informazioni, se non quello che raccontò lui stesso.

“Sono di Vancouver e gioco a poker da circa due anni. Ho cominciato solo di recente a giocare online. Non sono Isildur1 (lol?) e non ho altri account di poker. Sono solo uno nuovo che gioca ai nosebleeds”.

La storia di XBLINK però si esaurisce in fretta, perché quel nickname scomparirà definitivamente poco dopo Natale 2009.

Ed ecco XWINK

Il giocatore di Vancouver tornerà a calcare le scene del poker online un paio d’anni dopo. Il 3 marzo 2011, poco più di un mese prima che il Black Friday cambiasse per sempre la storia del poker online, il nuovo XBLINK, ora diventato XWINK, aprirà un altro post su Two Plus Two, molto simile a quello di due anni prima.

  1. da 4k a 2 milioni in 4 giorni. L’ho fatto grazie alle mie eccelse doti di gestione del bankroll.
  2. ho perso 1,2 milioni in un giorno
  3. mi fermo col resto, probabilmente preleverò mezzo milione
  4. continuerò a giocare per intrattenervi

Tra gli avversari con cui XWINK si confrontò, perdendo oltre 1 milione in un solo giorno, ci furono anche Rui Cao, David Benefield e Andreas ‘skjervoy’ Torbergsen. I limiti? PLO 300/600 e 500/1.000.

Anche Patrik Antonius, Dan Cates, Phil Ivey e Cole South incrociarono le carte con XWINK, infliggendogli duri colpi, ma senza mandarlo al tappeto.

Il giorno in cui XWINK scomparve per la seconda e ultima volta, nel suo conto c’erano ancora circa 457.000 dollari. Da quel momento, nessuno sa che fine abbia fatto.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento