Gioco legale e responsabile

WSOP 2014

Va a premio 5 volte di fila nel Main Event: è un record

Scritto da
12/07/2014 09:24

5.131


Ronnie Bardah ci è riuscito: piazzandosi 475esimo per 25.756 $ è il primo giocatore nella storia del poker ad andare a premio per cinque volte consecutive nel Main Event WSOP.

Lo statunitense, conosciuto anche come “RoNasty“, nonostante non sia molto famoso alle nostre latitudini è in realtà un veterano nel mondo del poker. Lo dimostra il fatto che la sua specialità sia il Limit Hold’em: ai tavoli di cash game del Foxwood, nel 2008, vinse 113.000 dollari in tre giorni, sedendosi al $40/$80. Proprio in questa specialità ha vinto il braccialetto nel 2012, e lo scorso anno si è piazzato terzo in un altro evento di Limit Hold’em, vincendo 95.000 $.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

La sua storia d’amore con il Main Event WSOP è cominciata nel 2010, quando fu 24esimo: quella deep run gli assicurò 317.000 dollari, che ad oggi rimangono il premio più grande che abbia mai vinto ai tavoli da poker. Si è poi piazzato 453esimo nel 2011, 540esimo nel 2012 e quindi 124esimo lo scorso anno.
 

“Il mio primo ITM alle WSOP fu il 24esimo posto al Main Event: ero su una nuvola” (photo courtesy PokerNews.com)

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Un altro giovane professionista veterano e suo buon amico, Christian Harder, avrebbe potuto eguagliare il suo primato in questa edizione del Main Event, ma è stato eliminato nel corso del day 2: poco male, visto che ha potuto consolarsi con il quarto posto strappato al WPT 500.

Bardah – che fa parte della scuderia di Ivey Poker – è anche un appassionato di muay thai, ed ha trascorso un periodo proprio in Thailandia per apprenderla. Quando ancora in sala rimanevano circa 800 giocatori ed il suo stack era ridotto ad appena una quindicina di big blinds, questi erano i suoi pensieri: “Non mi sono mai trovato nella bolla del Main Event con uno short stack – aveva dichiarato a PokerNews.comvoglio questo risultato più di ogni altro, perché un sacco di persone hanno vinto dei braccialetti, ma nessun altro ha ottenuto questo record”.

Finora queste World Series non gli avevano regalato molte soddisfazioni, ma questo semplice in the money – che certo economicamente non gli cambia la vita – per lui era forse il tacito, vero obiettivo, e l’ha raggiunto. Complice un torneo con una struttura formidabile ed un field relativamente semplice, Bardah ha saputo schivare la sfortuna quanto basta per presentarsi alla cassa per cinque anni di fila.

Ormai le sue WSOP sono finite, ma il prossimo anno ci sarà ancora, con tutta l’intenzione di allungare ulteriormente la striscia.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento