Gioco legale e responsabile

Come pensano i Pro

Jason Koon: “amavo i 100 metri, ma l’infortunio all’anca non fu solo negativo…”

Non avevo idea se avrei potuto vincere a lungo termine giocando a poker. Tutto quello che sapevo era che quello che stavo per fare, mi sembrava giusto

Scritto da
04/10/2020 19:00

1.107


Jason Koon, Sam Greenwood e Nikita “fish2013″Badziakouski con alcuni giocatori cinesi (courtesy Danny Maxwell/Pokernews.com)

Jason Koon: “È difficile credere che io giochi a poker da oltre un decennio”. 

“Molti dei miei colleghi hanno storie di apprendimento e di gioco del poker ad alto livello molto prima che gli fosse consentito legalmente di giocare nei casinò; per me non è stato così.

Vengo dallo stato montano del West Virginia. La maggior parte dei miei anni da pre-adolescente e da adolescente sono stati trascorsi a caccia, pesca e sport”. 

CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

“Ho sempre avuto un ardente desiderio di competere”. 

Da qualche parte intorno al mio secondo anno di liceo, sapevo che sarebbe stato probabile che avrei praticato sport al college. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Quando arrivò la laurea, avevo offerte di borse di studio da più college per il calcio e l’atletica leggera. Ho finito per frequentare un college che era a soli trenta minuti da casa.

Jason Koon e la compagna

Ho iniziato il mio anno da matricola al West Virginia Wesleyan College nell’autunno del 2003, lo stesso anno in cui Chris Moneymaker ha vinto il Main Event delle World Series of Poker. 

Ho iniziato a giocare ai micro-stake con un mio compagno di squadra e alcuni altri amici. Ero il tipico fish, che perdeva cinque dollari qua e là. Una sera ho deciso che avevo finito di perdere contro i ragazzi della squadra di football.

Sono andato a Walden Books e ho acquistato tutti i libri di poker che ho trovato. Entro un mese o giù di lì ho iniziato a vincere.

Il poker era un hobby divertente per me, ma il mio vero amore all’epoca era lo sprint. Niente mi ha pompato di più che caricare sui blocchi e correre quel piccolo trattino di 100 metri. 

L’amore per lo sprint

Mi sono allenato come un pazzo – due giorni in pista e in sala pesi, seguiti da visite in sala di allenamento per bagni di ghiaccio e trattamenti alle gambe. Ero al culmine della mia carriera atletica e miglioravo ogni mese. 

Koon Sochi

Jason Koon a Sochi

Tutto è cambiato un giorno alla Kent State University. Stavo correndo i 200 metri sulla pista coperta con curve strette e ho subito uno strappo all’anca che ha richiesto un intervento chirurgico. Sono tornato dopo l’intervento, ma non sono mai più stato lo stesso.

Durante i miei tempi di inattività, ho iniziato a giocare a poker online e a leggere più contenuti. Mi sono iscritto a qualsiasi corso formazione di poker online basica che ho trovato. Dopo un anno di gioco e studio, ho cominciato a vincere contro i mid stake. Consideravo ancora il poker un hobby e ho comunque preferito finire l’università conseguendo una laurea in finanza e un master in economia.

Dopo aver finito la scuola, mi sono trasferito a Pittsburgh, in Pennsylvania e ho trovato un lavoro come venditore di assicurazioni di gruppo. Lavoravo tutto il giorno, andavo in palestra e poi giocavo a poker online finché non riuscivo più a tenere la testa alta. Questo stile di vita non era sostenibile; qualcosa dovevo abbandonarlo. 

Con enormi quantità di debito studentesco e un piccolo bankroll, ho preso una delle decisioni finanziarie più irresponsabili della mia vita; Stavo per lasciare il mio buon lavoro retribuito e diventare un giocatore di poker professionista. La maggior parte dei miei amici mi ha detto che ero pazzo e come potevo biasimarli?

Non avevo idea se avrei potuto vincere a lungo termine giocando a poker. Tutto quello che sapevo era che quello che stavo per fare, mi sembrava giusto.”

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento