Vai al contenuto

Cassazione: “i tornei di poker sono un gioco d’abilità”

poker-sportivoEsclusiva Assopoker – La terza sezione penale della Cassazione mette un sigillo importante sulla nota querelle giudiziaria dei tornei live di poker texas hold’em sportivo (senza rebuy) e conferma un orientamento giurisprudenziale oramai consolidato a favore dei circoli, almeno sotto il profilo del diritto penale. Ma c’è di più: a prescindere dall’esistenza di una disciplina (vedi eventuale e futuro regolamento attuativo previsto dalla Legge “Comunitaria del 2009) del settore, il gioco (nella sua versione sportiva) è da ritenersi lecito in tutti i casi.

Nel 2011 la suprema Corte aveva respinto un ricorso di un club di Bari, ma riguardava un caso diverso rispetto alle fattispecie prese in esame successivamente. Tale provvedimento inoltre è stato sconfessato in seguito da due sentenze.

La svolta il 12 ottobre 2012, con il primo provvedimento favorevole ad un circolo di Palermo, con il riconoscimento che “nel poker in modalità torneo, l’abilità dei contendenti è un fattore determinante rispetto all’alea”.

Pochi giorni fa sono state rese note le motivazioni della seconda sentenza favorevole (num. 28412) della Corte di Cassazione, depositata in cancelleria il 16 luglio 2012.

IL CASO. Un’associazione di poker texas hold’em è stata oggetto di un sequestro preventivo a seguito dell’accusa di “esercizio di gioco d’azzardo”. Il Tribunale del Riesame aveva respinto il ricorso dei titolari del locale, sottoposto a misura cautelare restrittiva.

RICORSO. Gli indagati hanno presentato ricorso sostenendo che l’articolo 718 del codice penale (gioco d’azzardo) non è applicabile, considerando che nel circolo “si svolgevano solo partite e tornei di poker sportivo, da considerarsi gioco lecito, anche se con previsione di vincita in denaro, perché così disposto dalla Legge n. 248 del 2006, articolo 38”. Inoltre per i ricorrenti vi è stata inoltre una “violazione di legge processuale (art. 606 cpp, lettera c) perché il provvedimento cautelare in discussione presuppone un rapporto stabile tra l’immobile sottoposto a vincolo e l’attività asserita illecita che vi si svolta” citando delle precedenti sentenze della stessa Corte. Inoltre il sequestro non è applicabile perché di “un terzo proprietario estraneo alla fattispecie criminosa ipotizzata”.

MOTIVAZIONI SENTENZA. La Cassazione accoglie il ricorso, ritenendolo fondato con le seguenti motivazioni: “Come già affermato di recente da questa Corte, proprio in una fattispecie analoga (sezione 3, 12.10.2011), non integra il reato di esercizio di gioco d’azzardo l’organizzazione di tornei di poker texano (cosiddetto Texas Hold’em), in quanto giochi di carte organizzati in forma di torneo (ove la posta in gioco sia costituita esclusivamente dalla sola quota d’iscrizione) sono considerati giochi d’abilità e non di azzardo. Nell’occasione, è stato anche precisato che la mancanza di una disciplina per il poker sportivo non a distanza non rende illecito il gioco, operando infatti la Legge del 4 agosto 2006, articolo 248, articolo 38, di conversione del DL 4 luglio 2006 n. 223″.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

FUTURO CIRCOLI. Con queste motivazioni la Cassazione ordina il dissequestro del circolo, ma soprattutto consolida un orientamento oramai chiaro: è lecito – per i giudici – organizzare tornei di poker texas hold’em sportivo senza rebuy (il pagamento di una seconda quota d’iscrizione a seguito dell’eliminazione dall’evento), almeno sotto il profilo della responsabilità penale. Ci sono poi implicazioni di natura fiscale e di diritto amministrativo da non sottovalutare ma che devono essere oggetto di attento esame in altra sede.

I giudici della terza sezione si spingono oltre e ribadiscono che la mancata attuazione e pubblicazione del regolamento (previsto dalla Legge Comunitaria del 2009) non influisce sulla natura lecita del gioco. Quindi, a prescindere dall’esistenza di un regolamento, il poker, nella sua versione sportiva, è da ritenersi un gioco lecito.  Qualsiasi altra fattispecie (cash game, MTT con rebuy ed altre formule) rimane illecita. 

Questa sentenza è destinata naturalmente a condizionare ancor di più le decisioni giudiziarie future ed è già stata applicata dal Tribunale del Riesame di Alessandria che ha accolto le istanze dell’avvocato Riccardo Di Rella, in merito al dissequestro del circolo di Tortona. Sarà la prima di una lunga serie? A rigor di logica sì.

Esprimi la tua opinione sul presente e futuro del poker live sul nostro forum!

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.