Gioco legale e responsabile

Business

Poker e fisco: ai nostri pro conviene giocare MTT negli States?

Scritto da
14/03/2014 09:37

5.022


La dura presa di posizione della Commissione Europea, in merito all’inchiesta italiana ‘All in’ portata avanti in questi anni nei confronti dei poker players, apre a nuove logiche, soprattutto per gli specialisti di MTT live, in particolar modo per coloro che evitavano – per problemi fiscali – di giocare tornei all’estero.

wsop-main-event

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

E’ ancora troppo presto cantare vittoria (bisognerà attendere comunque l’ordinanza o sentenza della Corte di Giustizia), il quadro però sembra lineare e delineato. Come lo era già, prima dell’improvviso avvio della nota indagine da parte dell’Agenzia delle Entrate.  Vi sono dei principi in ambito europeo molto chiari. E ieri, la Commissione li ha ribaditi, ma non da un punto di vista politico, bensì tecnico. Come più volte sottolineato, il parere della Commissione Europea non è vincolante per la Corte di Giustizia, ma è un segnale  forte. 

Anche perché la giurisprudenza della CGE stessa è sempre stata in linea con quanto sostenuto da Barroso e soci. O meglio, Bruxelles ha citato proprio precedenti sentenze europee. Quindi? Non ci resta che aspettare, ma l’ottimismo dell’Avvocato Rosa (che difende Cristiano Blanco) è più che giustificato. 

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Se la CGE, come logica giuridica vuole, manterrà la medesima linea, i players italiani potranno tranquillamente giocare in tutti i casinò europei. E per i grossi eventi extra UE? Qui, il quadro si complica e tutto dipende dalle convenzioni bilaterali tra i vari stati. 

Ad esempio, per quanto riguarda le World Series, il tema si fa sempre più caldo: in tal caso vi è un accordo bilaterale con gli States che i giocatori devono comunque tenere bene a mente, perché saranno comunque obbligati a dichiarare una parte consistente degli eventuali profitti maturati nei tornei all’Erario, salvo future pronunce rivoluzionarie. 

Senza dubbio il fascino ed il richiamo degli MTT statunitensi è forte, ma non tutti potranno permettersi questo lusso e, considerando, il probabile via libera in Europa, i dubbi sono sempre più esponenziali, visto che vi saranno più alternative.

I big degli MTT hanno deciso di salutare l’Italia e di indossare colori azzurri, ma con residenza estera, spaventati in primis dall’inchiesta ‘All in’, anche se non potranno comunque sottrarsi dalla ritenuta alla fonte (30%) applicata nei casinò americani sulle vincite.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento