Gioco legale e responsabile

Business

Svolta nel poker online: il primo mercato mondiale (Germania) sarà regolamentato nel 2021. Si alla pubblicità

In via di definizione un trattato federale che regolamenterà il mercato tedesco per poker online, scommesse e casinò (con limite di 3 ore al giorno).

Scritto da
28/01/2020 12:03

6.079


Non si muove solo il poker online a stelle e strisce (negli USA ora sono 5 gli stati autorizzati), per l’industria del gioco la scossa forte arriva dalla Germania: ben 16 lander stato lavorando ad una regolamentazione federale dell’online attraverso un trattato che darà il via alle operazioni l’1 luglio 2021.

Questa novità può rappresentare una spinta forte alla crescita del poker online in Europa e non solo: la Germania rappresenta il primo mercato mondiale per PokerStars e molte altre poker rooms nel post black friday.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il trattato deve ancora essere ratificato ed i 16 stati stanno cercando di definire gli ultimi dettagli. In Germania non vi è mai stata regolamentazione, ad eccezione di un unico stato (Schleswig-Holstein nel 2012). A svelare questo piano è stato Dirk Schrödter, capo della cancelleria proprio del lander pro online. L’incognita riguarda i regolamenti regionali (come in Italia).

Fino ad ora il mercato tedesco era sotto il cappello di PokerStars.eu (licenza maltese) e molti giocatori tedeschi high roller vivono a Vienna per non avere problemi con il fisco.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

I contenuti dell’accordo non sono ancora ufficiali ma sono già trapelati dei dettagli interessanti.

  • La regolamentazione riguarderà poker, scommesse e casinò con il rilascio di licenze nazionali.
  • I tedeschi potranno giocare solo 3 ore al giorno nei casinò online.
  • I depositi massimi invece saranno di mille euro.
  • Gli Stati federali avranno però autonomia per implementare il regolamento con leggi regionali (e l’esperienza italiana insegna che questa ripartizione di competenze ambigua non funziona).
  • Prevista la costituzione di un ente regolatore (come l’Agenzia dei Monopoli in Italia), un’autorità che dovrà vigilare sul mercato nazionale.
  • Il trattato prevede anche regole molto rigide per la protezione dei giocatori e soprattutto per la loro autoesclusione.
  • Ci sarà massima trasparenza sui giocatori e sulla loro attività.
  • Unico gioco che rimarrà sotto il monopolio dello stato saranno le lotterie.

Per il tabloid tedesco Bild inoltre ci saranno altre misure extra:

  • sarà consentita la pubblicità dei brand (l’attività sarà regolamentata e gli spot saranno visibili in televisione dalle 21 di sera alle 6 del mattino).
  • I bookmakers potranno fare advertising anche negli stadi.

Ancora invece da decifrare i dettagli sul poker. Non si capisce se sarà a liquidità aperta oppure a liquidità chiusa. Stesso discorso per il betting exchange.

Il 30 gennaio sarà una data decisiva con tutti i rappresentanti dei 16 stati presenti per proseguire nelle trattative per arrivare ad una bozza finale del trattato. Il regolamento dovrebbe essere approvato il 5 marzo.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento