Vai al contenuto

All American Dave: il business del mangiar sano nato proprio alle WSOP

Oltre al semplice conto alla rovescia, ci sono altri segnali a ricordarti che le stanno per iniziare le WSOP 2016. Uno di questi è senza dubbio l’arrivo dello stand di All American Dave.

Dave Swanson
Dave Swanson

Dave Swanson è un 38enne originario dell’Oregon, che ha fatto sempre dell’attività fisica il centro della sua vita. Atleta ai tempi del liceo, è stato professionista sia di wakeboard che di body building, alternando a queste attività la carriera da vigile del fuoco. Un paio di infortuni alle ginocchia pregiudicano la sua carriera, così Swanson diventa personal trainer e – più in generale – life coach di diversi personaggi tra cui molti pokeristi di grido, da Antonio Esfandiari a Jennifer Tilly, a Brian Rast e Phil Laak.

Oltre agli schedule di allenamento, Dave inizia a farsi conoscere anche per la sua particolare competenza nel campo dell’alimentazione salutista e bilanciata. Da qui la svolta che fa nascere l’idea: “Mi occupavo già di preparare il cibo per le loro sessioni, per assicurarmi che mangiassero bene. Durante le World Series Of Poker stanno seduti per ore e ore senza possibilità di mangiare qualcosa di sano. Così ho iniziato a cucinare per loro sul posto, facendo sì che potessero portarsi il cibo al tavolo”.

La voce si sparge in fretta e iniziano ad arrivare centinaia di richieste: nasce così “All American Dave”, un brand che ogni anno arriva a Las Vegas preparando in loco pasti improntati a un’alimentazione macrobiotica e salutista.

Come potrete immaginare, inizialmente la cosa procurò non pochi malumori, in primis tra i ristoratori ufficiali delle WSOP. Ma ogni tentativo di impedire ai suoi “sacchetti” di circolare per il Rio fu vano: troppe le proteste da parte dei giocatori, che non volevano rinunciare a un’alimentazione che li aiuta a rendere al meglio al tavolo.

Così Swanson ottiene un appuntamento con i vertici delle WSOP e si raggiunge un accordo economico. Il problema di Swanson diventa presto quello di riuscire a rispondere a un numero di richieste in aumento esponenziale. Così, grazie all’aiuto di qualche amico, Dave investe 75mila dollari in un tir con cucina mobile e si sistema nell’area esterna dietro all’Amazon Room, che diventa presto meta di un continuo “pellegrinaggio” da parte di centinaia e centinaia di giocatori, desiderosi di mangiare bene. Il volume di affari cresce e oggi si attesta ben oltre il milione di dollari a stagione.

Lo stand di All American Dave, dietro all'Amazon Room del Rio
Lo stand di All American Dave, dietro all’Amazon Room del Rio

I principi che la cucina di Dawson sono ispirati alla Paleo dieta, ma bilanciati con un approccio macrobiotico. Le proteine sono al centro di questo programma, che comprende però anche grassi “buoni” e non criminalizza del tutto i carboidrati.

“Non usiamo burri e oli per cucinare. L’olio è un tipo di grasso sano, ma una volta sottoposto a calore perde gli acidi grassi essenziali. Quindi lo usiamo solo a crudo”, ha affermato Dawson in una recente intervista.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Un tipico “sacchetto” di All American Dave costa 25$, ma c’è la possibilità di comprare pasti in blocco anche da 1.000$, risparmiando fino al 25%. Ecco un tipico menu

menu-aad

Uno degli elementi che più hanno inciso, nel successo dell’offerta di Dave Dawson, è la comodità. I giocatori possono ordinare direttamente con un tweet, senza muoversi dal tavolo e lì riceveranno il loro pasto, o anche solo un frullato.

Ma All American Dave non è solo questo: oltre alla cucina mobile, l’azienda offre ormai una gamma di servizi piuttosto ampia, sempre riguardo al viver sano, dal fitness allo snowboard al surf. Inoltre, il brand AAD ha decisamente travalicato i confini del poker e si è affermato al motto di “eat better, be better”. Tuttavia, ogni anno di questi tempi Dave Dawson ritorna dove tutto ebbe inizio: Las Vegas.

Date un’occhiata al sito ufficiale!

COMPARAZIONE GIOCHI
"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".