Gioco legale e responsabile

Curiosità

Lex Veldhuis: “Non soffocate le vostre emozioni quando giocate, è giusto voler annientare l’avversario”

Scritto da
28/10/2016 15:00

2.853


Nel corso degli anni si è detto e scritto tantissimo sul corretto modo di approcciarsi mentalmente al gioco del poker. Una delle teorie più accreditate e seguite è che per diventare immuni al tilt è necessario eliminare tutte le emozioni, diventare dei robot insensibili tanto agli scoppi quanto alle vittorie. Se questa è certamente una corrente di pensiero interessante, c’è anche quella opposta che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede: lasciarsi andare alle emozioni è giusto e aiuta a diventare giocatori migliori.

Il coach Jared Tendler è stato tra i primi ad affermarlo con forza nel suo apprezzatissimo libro The Mental Game of Poker. Lex Veldhuis lo ha letto e si è trovato completamente d’accordo, perché fin dall’inizio della sua decennale carriera ha sempre permesso alle emozioni di emergere. Dal suo punto di vista, anche grazie a questa attitudine ha avuto tutto questo successo.

1eab719189

“Quando il poker online era appena diventato popolare, c’era questa idea che fosse necessario cancellare le emozioni e diventare dei robot“, spiega il professionista olandese. “Ho letto il libro di Jared Tendler: lui dice che le emozioni sono molto importanti nel poker perché essere arrabbiato ti insegna qual è il tuo punto debole. Io l’ho sempre pensata allo stesso modo”.

Il team pro di Pokerstars si spiega meglio: “Non mi dispiace farmi prendere dalle emozioni al tavolo. Mi coinvolge nel gioco. Le volte in cui non sono coinvolto non mi interessa di perdere un coinflip, ma ho bisogno di esserlo per poter dare il massimo”. Anche se nelle apparizioni televisive lo abbiamo sempre visto tenere un comportamento glaciale, Lex Veldhuis assicura di lasciarsi andare di tanto in tanto alla frustrazione o alla gioia, e di non avere alcuna intenzione di cambiare.

Dal suo punto di vista è nel gioco heads-up che le emozioni devono venire fuori. “Se perdo un heads-up ovviamente la prendo sul personale“, ammette a Calvinayre.com smentendo un’altra regola d’oro del poker. “Non che ce l’abbia con la persona che mi ha battuto, ma sicuramente penso “ora distruggo questo str***o“. Non è una questione di essere immaturi, semplicemente ho bisogno di quel fuoco dentro di me. Non va bene dire del tuo avversario che è una brava persona dopo aver perso. Ciò che devi fare è metterti a studiare il suo gioco per provare a distruggerlo la prossima volta“.

Lex Veldhuis agli inizi della sua carriera

Lex Veldhuis agli inizi della sua carriera

La visione di Lex Veldhuis sulle emozioni nel poker è tutta in questa frase: “Questo è il modo giusto di giocare a poker per me. Questo è ciò che vedrete nei miei strem su Twitch. Mi infurio durante le sessioni!“.

Vedere per credere: ecco il canale Twitch di Lex Veldhuis, seguitissimo in tutto il mondo per le ottime analisi che “regala” ai suoi followers durante le sessioni in diretta:

Guarda il video live di RaSZi su www.twitch.tv

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento