Gioco legale e responsabile

eSports

I cinque montepremi più grossi nella storia degli esport

Da Halo 5 a Smite, da Fortnite a League of Legends, quali sono stati i cinque eventi dal montepremi più ricco nella storia degli esport? Stravince il The International di Dota 2, appuntamento annuale multimilionario.

Scritto da
23/05/2019 11:15

1.171


Probabilmente ci vorrà ancora qualche anno prima che un evento esport metta in palio un montepremi simile a quello del WSOP Main Event, ma i tornei dedicati ai videogiochi competitivi stanno crescendo – in numeri e cifre – a ritmi che il poker pre-boom poteva soltanto sognarsi.

E allora vediamoli insieme, i cinque giochi che hanno elargito i montepremi più grossi nella sin qui ancor giovane storia degli sport elettronici.

 

esport montepremi

Nessun evento si avvicina al The International in termini di montepremi

 

Quinto posto: Halo 5: Guardians

Al quinto posto della classifica degli eventi esport dal montepremi più ricco di sempre abbiamo Halo 5: Guardians, uno sparatutto in prima persona che nel 2016, agli Halo World Championship, ha ospitato i 64 migliori giocatori al mondo, suddivisi in 16 team.

Il torneo si è svolto a Hollywood per un montepremi di 2,5 milioni di dollari. La vittoria andò ai Counter Logic Gaming, team formato dagli americani Frosty, Lethul e SnakeBite e dal canadaese Royal 2.

I quattro si spartirono una prima moneta da 1 milione di dollari.

Quarto posto: SMITE

L’anno prima, nel 2015, lo SMITE World Championship di Atlanta mise in palio 2,16 milioni di dollari. SMITE è un MOBA (Multiplayer Online Battle Arena) in terza persona e il mondiale si giocò tra 8 team da 5 giocatori ciascuno.

Anche in quell’occasione fu un team americano, i Cognitive Prime di Andinster, JefffHindla, Omegatron, BaRRaCCuDDA e MLCst3alth a prendersi la vittoria e un primo premio del valore di 1,3 milioni di dollari.

Terzo posto: Fortnite

Nonostante sia il gioco di gran lunga più giovane di questa classifica, Fortnite è diventato rapidamente un fenomeno di costume, più che un esport. Oggi, Fortnite è il videogioco più famoso e giocato al mondo, anche se a livello di esport il circuito non è ancora a livello di altri titoli sotto il profilo organizzativo.

Eppure, le Fortnite Fall Skirmish Series 2018 hanno permesso a questo battle royale di salire direttamente sul podio degli eventi esport dal montepremi più grosso, grazie a un totale di 4 milioni di dollari.

Quest’anno si sta svolgendo la prima edizione della Fortnite World Cup (siamo alle fasi di qualificazione), che promettono di regalare addirittura 3 milioni di dollari solo al vincitore.

Secondo posto: League of Legends

Arriviamo al League of Legends World Championship, uno degli eventi più attesi dell’anno in ambito esport. L’anno scorso, i mondiali svoltisi in Corea del Sud crearono un prizepool di ben 6,45 milioni di dollari.

Il MOBA uscito nel 2009 è tra i giochi più seguiti al mondo, anche in streaming su Twitch, e nel 2019 il mondiale vide gli Invictus Gaming dei coreani Duke, Rookie e TheShy e dei cinesi Baolan, JackeyLove e Ning incassare 2,41 milioni di dollari – cioè circa 403.000 bigliettoni a testa.

Primo posto: Dota 2

Non esiste altro esport al mondo capace di erogare montepremi in denaro che avvicinano le vette di Dota 2, un altro MOBA famosissimo. Non è un caso che il The International (i mondiali di Dota 2) occupi le prime cinque posizioni nella classifica degli eventi più ricchi nella storia degli esport, nonché 12 delle prime 20.

Il montepremi del The International è cresciuto di anno in anno, anche grazie ad un’intuizione azzeccatissima della Valve (ne parlavamo qui), fino ad arrivare ai 25,5 milioni di dollari dell’anno scorso.

Per la cronaca, nel 2018 a Vancouver trionfarono gli OG (JerAx, Topson, NOtail, 7cnkMad e ana). Il premio per il team vincitore? 11,2 milioni di dollari, cioè 2,24 cadauno.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento