Vai al contenuto
Mark vincitore della Lotteria Neozelandese

Lotteria: ex soldato sogna i numeri, vince €11,8 milioni, lascia il lavoro “ma da quel momento inizia l’incubo”

I soldi possono aiutare, possono migliorare la tua vita, ma così tanto denaro “piovuto dal cielo” può anche tradirti, farti perdere la bussola, soprattutto se parliamo di una pioggia di soldi, l’equivalente di €11.871.011 (£10 milioni) e non ti senti pronto a gestire quella fortuna.

Se non riuscite a capire quello che vi vogliamo dire, leggete bene questa storia che ha visto come protagonista il Signor Mark Lipsham, neozelandese e padre di due figli.

Il fortunato vincitore della lotteria Auckland Powerball (un gioco molto simile al nostro Super Enalotto) accusa di essere stato truffato da una chiaroveggente K.H. (riportiamo solo le iniziali perché la vicenda è stata chiusa in via extra giudiziale ma non in un tribunale penale).

Mark è un ex soldato e sostiene che dopo questa truffa subita, la sua vita sia andata fuori controllo.

Leggi anche: vince 30 milioni al Super Enalotto, in realtà….

La storia: vinse l’equivalente di €11.8 milioni nel 2017 alla lotteria neozelandese

Riavvolgiamo il nastro: nel 2017 il fortunato neozelandese vinse l’equivalente di oltre €11.8 milioni grazie a un biglietto del Super Enalotto locale.

L’antefatto curioso è che Mark Lipsham, prima di questa grande vittoria, aveva sognato i numeri vincenti, li aveva trascritti su un foglio e poi giocati. La fortuna l’ha assistito al momento del sorteggio.

A 53 anni, ha deciso così di lasciare il lavoro: congedato dall’esercito aveva iniziato a fare il camionista e con quel bel malloppo in banca decide di non voler più andare avanti con un mestiere gratificante ma faticoso.

Secondo la storia raccontata dal tabloid inglese The Sun però da quel momento tutto è andato a rotoli. Mark non era abituato a gestire così tanto denaro, era disorientato e non riusciva a capire che strada intraprendere.

Tormentato dalla richieste continue di soldi

Si sentiva molto vulnerabile: “lottavo contro depressione, stress e frustrazione” perché le persone lo tormentavano per i soldi. Molto probabilmente aveva commesso l’errore di far sapere a tutti che aveva vinto quella fortuna e da quel momento non ha avuto più respiro.

Nell’ottobre 2019, con un conto in banca ancora bello profondo, a Mister Mark è stata presentata una chiaroveggente. Coincidenze? Noi non ci crediamo. Molto probabilmente qualcuno aveva già fiutato la sua debolezza e ne voleva approfittare. Il fortunato neozelandese pensava che K.H. fosse una esperta di investimenti finanziari e le ha dato fiducia.

Era diventata la sua stella polare in ogni aspetto della sua vita, comprese le relazioni personali, la salute e… i suoi soldi. Le consulenze gli fruttavano almeno 60mila sterline.

Alcuni SMS dimostrano come K.H. avesse oramai un controllo totale sulla sua vita.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

L’ambizione di voler investire nel mercato immobiliare ma scatta la truffa…

Confidava di entrare nel mercato immobiliare e racconta di aver consegnato quasi 1,5 milioni di sterline inglesi per finanziare l’acquisto di una casa. Nel marzo del 2020 però sono iniziate ad emergere le prime incongruenze: dell’acquisto della proprietà non si avevano tracce così come di altri investimenti. La donna affermava che era tutto legato a dei ritardi burocratici. Dopo due mesi la presunta truffatrice K.H. non gli rispondeva e sparì dalla circolazione.

Il suo conto in banca da oltre €11,8 milioni è crollato a €7,2 milioni, circa €4,6 milioni finiti nel nulla. Da quel momento è iniziato un incubo per l’uomo che si è sfoga ai tabloid: “Alla fine non mi è stata d’aiuto, in realtà sono stato truffato per un bel pò di soldi”.

Altro che ansia e depressione…. Mark è venuto a sapere che la donna aveva sì acquistato delle proprietà ma a suo nome, naturalmente con i soldi dell’ex soldato.

Come si è chiusa la vicenda giudiziaria. La regola del silenzio…

L’uomo ha fatto sequestrare le due nuove proprietà della presunta truffatrice.

K.H. si è difesa affermando che Mark e la sua fidanzata le avevano firmato delle procure generali. In realtà, in tribunale è emerso che su quei documenti c’erano delle firme false.

Messa al muro la presunta truffatrice ha ceduto e ha risarcito (in parte) il fortunato vincitore della lotteria con un accordo extra giudiziale, per evitare che si aprisse nei suoi confronti anche un procedimento penale. Non si conoscono i termini dell’accordo.

Per i vincitori delle lotterie vale sempre la solita regola: il silenzio. Palesare le proprie vincite vi espone a rischi importanti. Gli avvoltoi vi aspettano dietro la porta.

Nella foto in copertina il protagonista di questa storia quando ancora lavorava come camionista. L’immagine è stata pubblicata dal tabloid inglese The Mirror

COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.