Gioco legale e responsabile

News

Bertrand Grospellier ha il coronavirus: “Non preoccupatevi per la mia salute… sono asintomatico”

Secondo caso di coronavirus tra i giocatori di poker professionisti più noti: Bertrand Grospellier ha dato l’annuncio su Twitter e su Facebook. Il transalpino, che oggi risiede a Praga (Repubblica Ceca), non ha però alcun sintomo: sta bene e dovrà solo osservare un periodo di quarantena.

Scritto da
20/04/2020 09:30

2.093


Tramite i suoi profili social, Bertrand Grospellier ha annunciato la sua positività al coronavirus. Il noto professional poker player francese ha però precisato di sentirsi bene, non avendo alcun tipo di sintomo, per rassicurare i suoi tantissimi fan.

 

Bertrand Grospellier

Bertrand Grospellier immortalato mentre fa il tampone

 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Il messaggio di Bertrand Grospellier

‘ElkY’ ha utilizzato sia Twitter sia Facebook per spiegare la sua positività al Covid-19. Sul social network di Zuckerberg, il campione di poker e Hearthstone è entrato maggiormente nei dettagli, spiegando di aver contratto il coronavirus dopo aver viaggiato sull’auto di un conducente di Uber infetto.

“Un piccolo aggiornamento personale. Sono stato molto preso ultimamente, ma ho fatto il test e sono risultato positivo al Covid-19”, si legge sul suo profilo Twitter. “Grazie al cielo sono asintomatico e la Repubblica Ceca ha risposto alla grande alla pandemia”.

Bertrand Grospellier ha chiuso il suo messaggio su Twitter spiegando di doversi sottoporre a un ovvio periodo di quarantena, nella speranza di risultare presto negativo ai test: “Auguro a tutti tanta salute in questi giorni folli”, ha chiosato.

‘ElkY’ in quarantena a Praga

A chi gli chiedeva,  nelle risposte al tweet, come avesse fatto a farsi fare il tampone da asintomatico, Bertrand Grospellier ha risposto svelando il protocollo ceco, che come in molti Paesi obbliga al tampone tutti coloro i quali sono entrati in contatto con un positivo.

Attualmente, ‘ElkY’ risiede a Praga, Repubblica Ceca appunto, dove a ieri si riscontravano 6.606 casi di coronavirus e 181 decessi. Anche in Repubblica Ceca il governo ha optato per numerose pratiche di distanziamento sociale, oltre a imporre una quarantena di 14 giorni a chi, anche qui, ha avuto contatti con persone positive.

Il coronavirus e il poker

Quello di Bertrand Grospellier è il secondo caso di rilievo nel mondo dei pokeristi professionisti, dopo quello dello scorso marzo di David ‘Doc’ Sands.

Il coronavirus non ha risparmiato neppure i giocatori di poker amatoriali, come abbiamo avuto modo di raccontarvi qualche giorno fa, nella vicenda degli otto pensionati della Florida: tre sono morti e cinque sono attualmente positivi.