Vai al contenuto

Dan Bilzerian inguaia Victory Poker con la ESPN

Dan Bilzerian ha scatenato un putiferio con ESPNEssere dei giocatori di poker professionisti, si sa, concede una visibilità che va saputa gestire, per evitare che ci si ritorca contro: è quanto successo a Dan Bilzerian, sponsorizzato dalla poker room Victory Poker e che ha scatenato un vespaio con la rete ESPN, che si occupa della copertura televisiva delle WSOP.

I fatti li racconta lo stesso giocatore sul forum di 2+2, con un tono fra l’incredulo e il divertito: “Mi sono limitato a scrivere una citazione dal film Gran Torino di Clint Eastwood su Twitter, quando Joy Miller (la responsabile di ESPN n.d.r.) l’ha letta ed è andata su tutte le furie, dicendo al direttore generale di Victory Poker che la ESPN non avrebbe fornito nessun tipo di copertura alle WSOP né a me né agli altri elementi del team ,finché non avesse ricevuto delle scuse formali”.

La citazione incriminata è la seguente: “Un messicano, un ebreo ed un nero entrano in un bar. Il proprietario li guarda ed esclama ‘Toglietevi dai piedi!’”.

Una frase che evidentemente può risultare offensiva, specie se estrapolata dal suo contesto, ma a quanto pare le spiegazioni di Blizerian non sono state sufficienti a calmare le acque: “Non mi importa un accidente se si tratta della citazione di un film – ha tuonato la Miller – ti ho chiesto di domandare scusa per quella frase e non capisco cosa c’è che tu non comprenda di tutto questo”.

Un incidente diplomatico tanto grottesco quanto intricato, perché quando le posizioni appaiono così distanti trovare un punto d’incontro non è così semplice.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Dal canto suo, Dan Bilzerian crede di non aver commesso qualcosa di tanto grave da giustificare una simile reazione, specie dopo aver spiegato l’origine di quella frase. D’altra parte, Joy Miller non sembra intenzionata a considerare questa come un’attenuante, considerando la frase offensiva di per sé e quindi pretendendo le scuse di chi l’ha resa pubblica.

Comunque vada a finire, la visibilità per un giocatore è tutto, e certo raggiungere un eventuale tavolo finale WSOP ma poi non apparire in televisione sarebbe una bella beffa: in fondo, come si suol dire oltreoceano, “pics or didn’t happen”.

D’altro canto, c’è chi giura che in questo modo Dan Bilzerian e Victory Poker siano riusciti a farsi pubblicità lo stesso, e visto che un tavolo finale WSOP non lo si raggiunge certo tutti i giorni, chissà che il gioco non valga la pena, con buona pace della ESPN.