Gioco legale e responsabile

Online

Poker bot, cala la mannaia: 48 account chiusi, recuperati $180.000

Sono 48 gli account bot chiusi nell’ennesima tornata dei sempre più rigidi controlli che ha portato a recuperare oltre $180.000 nel poker online. Soltanto su partypoker, da dicembre 2018 a oggi sono stati chiusi ben 649 bot, per oltre $1,3 milioni restituiti.

Scritto da
23/09/2019 07:49

4.706


A cadenza ormai regolare, le poker room informano i propri utenti circa le attività di individuazione e chiusura degli account bot, cioè quei profili gestiti dall’intelligenza artificiale che minano l’integrità e il regolare svolgimento delle attività online.

Durante il fine settimana, partypoker ha divulgato il suo consueto aggiornamento, rivelando la chiusura di altri 48 bot.

 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.
Poker bot

Continua l’offensiva ai bot

 

649 bot chiusi da dicembre 2018

I 48 account che utilizzavano programmi automatici sono stati scoperti e chiusi, per un recupero di $148.668 per quanto riguarda le piattaforme .com e di €29.495 per il .eu: in totale, dunque, sono stati ridistribuiti ai giocatori oltre $180.000.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

La nota piattaforma di poker online internazionale ha dichiarato guerra aperta ai bot e da quasi un anno pubblica regolarmente degli aggiornamenti per informare utenti e community circa i suoi progressi.

Progressi che da dicembre 2018 ad oggi hanno portato all’eliminazione di 649 bot con un recupero di $1.174.758 più altri €164.878, ovverosia oltre $1,3 milioni.

I Poker Fraud Team

Partypoker, e come lei diverse altre poker room online, nel corso degli anni hanno affinato sempre di più le proprie armi nella battaglia contro i bot, creando quelli che vengono definiti Poker Fraud Team.

Si tratta di vere e proprie task force, spesso composta anche da ex giocatori di poker professionisti, che vengono dotate di tutte le risorse e gli strumenti necessari a portare avanti la “crociata” contro gli account fraudolenti.

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento