Gioco legale e responsabile

Cash Game

High Stakes Poker: Rick Salomon vince il premio Dario Minieri (no, non è una battuta!)

L’8° stagione di High Stakes Poker volge al termine e i commentatori si sono divertiti ad assegnare dei premi speciali ai giocatori. Tra questi anche il Dario Minieri Award for Most Creative Costume, andato a Rick Salomon.

Scritto da
19/03/2021 10:00

2.446


Mercoledì è andata in onda l’ultima puntata di High Stakes Poker, la numero 14 dell’ottava stagione. Per l’occasione, i commentatori Gabe Kaplan ed Aj Benza hanno deciso di rinverdire i fasti di una tradizione dello show, gli High Stakes Poker Award.

Tra i premi assegnati, ce n’è uno che riguarda anche… Dario Minieri. Probabilmente non per il motivo che potreste pensare…

 

High Stakes Poker Rick Salomon

Rick Salomon

 

In questo Articolo:

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Gli High Stakes Poker Award

Dario ha partecipato alla sesta stagione di High Stakes Poker, nell’ormai lontanissimo 2009, mettendo in mostra il suo tipico gioco super aggressivo, ma anche (agli occhi degli americani) uno stile molto particolare nel vestire.

Così, Kaplan e Benza hanno pensato bene di istituire il Dario Minieri Award for Most Creative Costume, assegnato a Rick Salomon per la sua camicia camouflage sopra ad una maglietta di Gucci. Abbinamento, in effetti, quantomeno bizzarro.

Questi gli altri premi:

  • Claude Rains Inconspicuous Award: Phil Ivey, il poco appariscente
  • Anti-Sklansky Award: Tom Dwan, che gioca come i libri non ti insegnano
  • Orson Welles Award: Jean-Robert Bellande, per chi beve dall’amaro calice
  • The Phil Hellmuth Award: Phil Hellmuth, per l’uomo che non sbaglia mai

Le mani più interessanti dell’ultimo episodio

E dopo questo piccolo momento-Oscar, andiamo a dare un’occhiata alle migliori mani dell’ottavo e ultimo episodio di questa stagione di High Stakes Poker.

Oltre ai già citati Ivey, Salomon, Dwan, Bellande ed Hellmuth, sono seduti al tavolo anche Bryn Kenney, James Bord, Brandon Steven, Jake Daniels e John Andress.

Un mega flip

Sullo straddle di Dwan a $1.600, Salomon chiama ma Andress rilancia a $3.200 con A K . Bord da small blind spilla J J e decide di controrilanciare andando addirittura in all-in per $113.000.

Tutti foldano fino ad Andress, che chiama. Il piatto vale $230.800 e i due si accordano per girare due volte le carte comuni.

Primo board: J 10 4 4 2
Secondo board: J 8 2 10 K

Pur partendo avanti, Bord trova un doppio set su entrambi i board, con il suo avversario a sperare fino all’ultimo con un altrettanto doppio progetto Broadway che però non si concretizza mai.

Tom Dwan runner runner

Stavolta è Steven a piazzare lo straddle da $1.600 con Q 9 e Dwan a rilanciare a $5.000 con 6 2 . Salomon da cutoff chiama con A 5 e lo stesso fa Andress con 8 8 da bottone. Foldano i bui e Steven fa call.

Flop: K Q 8

Steven fa check con la middle pair, Dwan spara ancora $5.000 con il vuoto pneumatico e Salomon folda. Andress decide di chiamare soltanto con il suo bottom set, Steven lo imita ed ecco la quarta strada.

Turn: 3

Steven fa ancora check e Dwan, che ha un progetto di colore di cuori, sceglie una size da $25.000. Ancora una volta Andress si appoggia soltanto, mentre Steven comprensibilmente getta le carte nel muck.

River: 4

‘durrrr’ trova il colore runner runner e piazza una bet sostanziosa, di circa $90.000. Il suo avversario ci riflette un po’, ma alla fine paga a Dwan un piattone da circa $225.000.

Tag: