Vai al contenuto

Anthony Zinno è il POY 2015 per CardPlayer

Ogni fine d’anno, quando si parla del titolo di Player Of The Year, il poker somiglia in qualche modo alla boxe. Come nello sport in cui si incrociano i guantoni la presenza di più sigle iridate rende difficile stabilire chi sia il vero campione del mondo in una data categoria, così nel nostro gioco preferito esistono più titoli di giocatore dell’anno.

Anthony Zinno, nuovo numero 1 GPI
Anthony Zinno

Una volta era dualismo tra la leaderboard di CardPlayer e quella di Bluff Magazine, poi c’è stata l’ascesa prepotente del GPI di Alex Dreyfus. Il potenziale scontro a tre è però durato poco, poichè nel’agosto scorso è stato dichiarato il fallimento di Bluff, storica testata giornalistica del poker made in USA. Infatti, la classifica relativa alla corsa a Player Of The Year di Bluff è ferma all’11 di agosto e vede in testa Joe Kuether….

Le due testate rimaste a misurare ogni anno le performance dei giocatori di poker hanno prodotto risultati sensibilmente differenti, in ragione delle diverse metodologie di calcolo e assegnazione punti.

Così, per Global Poker Index il giocatore dell’anno è Byron Kaverman, con quasi 100 punti di vantaggio su Anthony Zinno. Al contrario, per Card Player USA, è proprio quest’ultimo il vincitore della classifica 2015, con Kaverman che in questo caso è addirittura quarto!

Zinno è stato protagonista di un anno eccezionale, che lo ha visto ingranare fin dai primi mesi del 2015 con la doppia vittoria WPT (a Fallsview a a Los Angeles). Quindi è arrivato il sigillo del primo braccialetto WSOP, ottenuto al ricco evento Pot Limit Omaha da 25.000$ giocato in luglio a Las Vegas. A questi, l’elegante player di lontane origini italiane ha aggiunto altri due primi posti, a un high roller del WPT Bay101 e a un side da 5.300€ dell’EPT di Malta nello scorso ottobre. In totale, per lui ci sono stati 5 primi posti, 11 tavoli finali e un monte vincite di 3.442.769$.

Dal canto suo, Byron Kaverman si è reso autore di un’annata dal percorso piuttosto simile a quello del rivale. A far spiccare il volo a Byron è stato il doppio trionfo ravvicinato (27 e 28 marzo) in altrettanti high roller giocati all’Aria di Las Vegas. Quindi è arrivato un braccialetto WSOP conquistato in un evento molto duro come il 10.000$ NLHE 6-max. Infine, anche per lui ciliegina sulla torta all’EPT di Malta, dove è giunta la vittoria in un high roller da 10.000€. Lo score totale di Byron Kaverman dice 4 vittorie, 15 tavoli finali e 3.008.957$ in vincite lorde.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Due dimostrazioni di forza curiosamente simili, da applaudire entrambe. Ecco le due top ten:

Card Player POY 2015

  1. Anthony Zinno 6,632 pts
  2. Joe Kuether 6,070 pts
  3. Nick Petrangelo 6,026 pts
  4. Byron Kaverman 5,342 pts
  5. Benjamin Zamani 4,561 pts
  6. Jason Mercier 4,494 pts
  7. Steve O’Dwyer 4,400 pts
  8. Rainer Kempe 4,392 pts
  9. Taylor Paur 3,984 pts pts
  10. Dzmitry Urbanovich 3,978 pts

GPI POY 2015

  1. Byron Kaverman   4,736.90 pts
  2. Anthony Zinno   4,649.05 pts
  3. Steve O’Dwyer   4,640.17 pts
  4. Nicholas Petrangelo   4,605.26 pts
  5. Fedor Holz   4,260.13 pts
  6. Dzmitry Urbanovich   4,233.71 pts
  7. Jason Mercier Pokerstars 4,175.44 pts
  8. Connor Drinan   3,996.08 pts
  9. Scott Seiver   3,887.88 pts
  10. Erik Seidel   3,875.60 pts

DIFFERENZE DI CALCOLO

La principale differenza tra i due criteri di punteggio adottati è relativa al numero totale degli eventi qualificanti. Mentre CardPlayer assegna punti per ciascun torneo utile disputato, GPI prende in considerazione solo i migliori 13 risultati maturati da ciascun giocatore durante l’anno solare.
Si spiega così, ad esempio, la netta differenza fra il posizionamento del migliore italiano nei due ranking. In entrambi i casi si tratta di Mustapha Kanit, ma mentre per il Global Poker Index Mustacchione è 34° nella leaderboard POY, per CardPlayer l’azzurro è addirittura 13°.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".