Vai al contenuto

NBC National Heads-Up: nel 2014 non si farà

Uno dei tornei televisivi più popolari e suggestivi di sempre non verrà giocato nel 2014: stiamo parlando del National Heads-Up Poker Championship.

La NBC ha infatti diramato un comunicato nel quale annuncia che lo storico appuntamento non sarebbe stato organizzato quest’anno, come era già successo nel 2012. Una brutta notizia per tutti gli apppassionati, che nel corso degli anni avevano potuto assistere a un programma dove lo spettacolo era il vero protagonista, questo grazie a un field di 64 giocatori composto non solo da super professionisti ma anche da celebrità appassionate del gioco.

Una sorte simile è capitata a molti altri format televisivi dedicati al poker, tra cui High Stakes Poker e Poker After Dark, appuntamenti seguitissimi, grazie soprattutto all’alto livello di intrattenimento, che hanno però dovuto chiudere i battenti a causa di un unico motivo: il Black Friday.

Erik Seidel, vincitore dell’edizione giocata nel 2011

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Con il ban del poker online negli USA, infatti, sono venuti meno quasi tutti gli interessi economici legati agli sponsor e senza questi è impossibile produrre trasmissioni televisive con costi elevati, visto che nessuna poker room sarebbe disposta a pagare gli spazi pubblicitari destinati a un pubblico, quello statunitense, che non può giocare online.

Senza l’interesse di Pokerstars (che sta puntando molto sul mercato asiatico) e la sostanziale scomparsa di Full Tilt, sembrerebbe tutto perduto  ma non è così: il capo produttore dello show, Mori Eskandani, ha infatti assicurato che la sospensione del programma riguarderà solo il 2014, mentre dal 2015 riprenderà regolarmente con importanti novità che al momento, ovviamente, sono top secret

Le suggestioni portano a pensare a forti brand del poker live (WSOP su tutti) o magari a qualche poker room online fra quelle emergenti nel mercato statunitense, sebbene molte non stiano facendo scintille.

Per ora, comunque, non si può fare altro che aspettare, con la speranza che il cauto ottimismo che si respira per la prossima edizione si possa tramutare in qualcosa di concreto.