Vai al contenuto

La più grande sconfitta di Phil Ivey: un rosso da $10 milioni

La notizia era nell’aria, ma adesso c’è l’ufficialità: Phil Ivey dovrà restituire al Borgata Casino and Hotel qualcosa come 10,1 milioni di dollari. La battaglia legale si conclude dunque nel peggiore dei modi per il player americano, che da giovedì sa che dovrà separarsi da una cifra enorme.

Come sicuramente ricorderete, il Borgata ha fatto causa a Phil Ivey e a Cheng Yin Sun (la sua ‘compagna di giochi’) dopo che la coppia vinse $9,6 milioni di dollari ai tavoli del mini-baccarat, accusando i due di cheating ed edge-sorting.

Phil Ivey

No cheating, sì edge sorting

Ricapitolando brevemente una vicenda di cui si è detto e scritto già moltissimo, i giudici hanno stabilito che quello praticato da Phil Ivey & socia non fosse cheating, ma edge sorting. Secondo la Giustizia, pur non trattandosi di atti illeciti, il professional poker player americano ha “violato i termini del contratto” con il Borgata.

In pratica, pur non essendo tecnicamente colpa di Phil Ivey se il Borgata non ha controllato come avrebbe dovuto, l’utilizzo di carte segnate va a violare le leggi sul gioco del New Jersey.

L’americano e la compagna non hanno mai toccato le carte, questo è vero, ma in qualche modo hanno ‘manomesso’ il mazzo chiedendo al dealer di ruotare alcune carte di 180° gradi – spiegando di essere superstiziosi.

Il calcolo del danno

Il giudice ha rigettato la richiesta del Borgata di 15,5 milioni di dollari di danni – basata sull’aspettativa matematica di quanto Phil Ivey avrebbe vinto senza il mazzo ‘taroccato’. Secondo il giudice, la richiesta avrebbe portato ad una “soluzione troppo speculativa”.

Phil dovrà dunque restituire 9,6 milioni di dollari vinti al mini-baccarat, più 504.000 dollari vinti ai craps, dove ha giocato utilizzando proprio il denaro vinto.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Phil Ivey sta andando broke?

Una mazzata da 10 milioni di dollari stroncherebbe la carriera di qualsiasi giocatore di poker. Non dimentichiamoci che Phil Ivey dal 2013 al 2015 ha perso online qualcosa come 7 milioni di dollari, risultando pure il giocatore più perdente dell’anno scorso.

Se nel 2015 quantomeno era arrivata la vittoria al Super High Roller dell’Aussie Millions (per un premio di 1,7 milioni di dollari), quest’anno Phil Ivey è fermo addirittura al 5° posto del  No Limit Hold’em Triton Super High Roller Series da €250.000, dove ha vinto $656.500 dollari.

Difficile calcolare quanta disponibilità economica è rimasta a Phil Ivey (non dimentichiamoci anche il suo divorzio costoso dall’ex moglie Luciaetta di qualche anno fa), ma di sicuro il Tiger Woods del poker ha vissuto momenti migliori.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta