Vai al contenuto
JC Tran durante un torneo Mystery Bounty al Wynn di Las Vegas

Mystery Bounty: come funziona la formula di torneo che vuole conquistare l’EPT Praga

Con il mercato del poker da tempo fortemente indirizzato verso i tornei KO e i sit lottery, cosa succede provando a fondere un po’ insieme le caratteristiche di entrambi i format? Succede che abbiamo probabilmente il “torneo-droga” del 2022: il Mystery Bounty. E, visto che è in palinsesto per l’imminente EPT Praga 2022, proviamo a spiegare come funziona.

In principio fu Raffibiza…

Varie forme di tornei Mystery Bounty esistono già da qualche anno negli USA. Tra i primissimi a inaugurare la formula ad alti livelli è stato il Wynn di Las Vegas, che ha proposto diversi tornei “mystery bounty” all’interno del festival “Wynn Classic” nello scorso autunno. Lo sappiamo bene perché, in uno di questi, a vincere la taglia massima era stato il nostro Raffaele “Raffibiza” Sorrentino. Il calabrese, terminato 10° per agrodolci 37mila dollari guadagnati di payout classico, aveva poi aggiunto i 100.000 caduti dal cielo, grazie al sorteggio della taglia che gli consegnava una cifra aggiuntiva a 5 zeri. Nella foto di copertina (courtesy PokerNews) si vede invece JC Tran dopo avere scoperto di avere vinto taglia da 100mila dollari, in un altro torneo simile offerto sempre dal Wynn.

Mystery Bounty all’EPT Praga 2022: come funzionerà il torneo

Così, sulla scorta di curiosità e apprezzamento crescenti per questa nuova formula, anche PokerStars ha deciso di offrire un torneo del genere nel palinsesto EPT. A Praga sarà una prima volta ma, se conosciamo bene il mercato e i gusti dei giocatori, potrebbe diventare presto un appuntamento fisso. Vediamo come funzionerà.

Buy-in

Il torneo, in palinsesto come evento numero 32, avrà un buy-in da 2.700€ così ripartito:

  • 1.925€ destinati a montepremi ordinario
  • 500€ destinati a montepremi Mystery Bounty
  • 200€ in fee
  • 75€ in costi personale e staff

Struttura

Contrariamente ai normali tornei KO, le taglie non vengono messe in palio subito, ma solo a partire dal day 2. Il day 1 avrà invece svolgimento standard con 30.000 chips di stack, livelli da 60 minuti e un numero illimitato di re-entries a disposizione. Il costo del re-entry è di 2.200€, dunque ogni giocatore contribuirà soltanto in fase di iscrizione alla quota destinata ai Mystery Bounty.

Quando parte la caccia alle taglie

Il “ballo” vero e proprio inizierà proprio alla partenza del day 2, momento in cui si chiuderanno le iscrizioni. Solo in quel momento verrà calcolato il montepremi delle taglie. L’ammontare del prizepool dedicato ai Mystery Bounty sarà calcolato sulla base del numero di giocatori unici, e a ciascun player rimasto in gara verrà consegnato un Mystery Bounty Token. Questo gettone sarà la vera e propria taglia che ognuno avrà sulla propria “testa”, e che in caso di uscita verrà intascato dal player autore dell’eliminazione.

Come si incassa

Ogni giocatore potrà poi decidere in qualsiasi momento di andare a incassare la taglia o le taglie guadagnate, presso un banco appositamente creato. La procedura d’incasso è piuttosto semplice: il giocatore consegnerà il token al banco, e un addetto dell’EPT estrarrà da un contenitore una busta chiusa, contenente l’ammontare del Mystery Bounty in questione. La busta verrà quindi aperta dal giocatore, che così scoprirà di quale cifra si tratta. Tale procedura andrà ripetuta per ogni eventuale token aggiuntivo che un giocatore ha guadagnato nel corso del torneo.

Quanto si vince?

Ma da quanto saranno queste taglie misteriose? Al momento ovviamente nessuno può saperlo, ma il sistema è definito. Una volta stabilito l’ammontare del montepremi destinato al Mystery Bounty, questo andrà suddiviso (sotto forma di taglie) per quanti saranno i giocatori rimasti in gioco allo start del day 2. L’ammontare della cifra che un giocatore può trovare nella busta misteriosa va da un minimo di 500€ (ovvero la quota bounty pagata da ciascun giocatore iscritto) a un massimo corrispondente al 15% del montepremi Mystery Bounty. Facciamo un esempio per capire meglio.

Ipotizziamo che a questo torneo partecipino 800 giocatori unici. Di conseguenza il montepremi destinato ai Mystery Bounty ammonterebbe a (800×500) 400.000€. Vediamo ora quale potrebbe essere la distribuzione di questo denaro.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Ipotizzando che al day 2 siano rimasti 104 giocatori, ciò significherebbe che i 400.000€ dovrebbero venire distribuiti in 104 token. L’ammontare delle taglie varierà pertanto da un minimo di 500€ fino a un massimo di 60.000€, ovvero il 15% del montepremi dedicato.

Pertanto, una suddivisione possibile potrebbe essere come segue:

  • 1 Mystery Bounty da 60.000€
  • 3 MB da 30.000€
  • 10 MB da 10.000€
  • 20 MB da 5.000€
  • 30 MB da 1.000€
  • 40 MB da 500€

L’adrenalina classica di un torneo di poker, unita all’emozione della formula con le taglie e al brivido di lasciare che la sorte decida per noi. Il torneo Mystery Bounty sembra avere gli ingredienti giusti per piacere al popolo dei giocatori così come è oggi, nel 2022. Piacerà anche in Europa come è accaduto in USA? Ai tavoli l’ardua sentenza.

 

 

COMPARAZIONE GIOCHI
"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".