Vai al contenuto

WSOP 2022: Hellmuth caccia al 17 in un super field, Il Giuglia speranza azzurra nel 6max

Max Kruse ha una voglia matta di lasciare il segno alle WSOP 2022 e ci riprova ancora in un evento H.O.R.S.E. che porta di nuovo in evidenza l’azzurro Maurizio Melara. Ma i riflettori sono tutti puntati su Phil Hellmuth, che questa notte darà la caccia al braccialetto numero 17 in un final day che è una parata di stelle. Partita anche la corsa al WSOP bracelet nel 3.000$ 6max, dove Sammartino delude ma Luigi D’Alterio si prende la scena.

WSOP 2022 Event #29: Speedy, theNERDguy e Kruse finalisti, ma vince Coleman

Roland Israelashvili dovrà ancora una volta riprovarci. Dopo tantissimi anni e un numero infinito di ITM alle WSOP, “Speedy” si vede di nuovo costretto a rimandare l’appuntamento con il primo braccialetto WSOP. Il gioielliere e “all around player” statunitense ha chiuso al terzo posto l’event #29, No Limit 2-7 Lowball Draw da 1.500 dollari. Meglio di lui hanno fatto Thomas Newton e soprattutto Maxx Coleman, infine vincitore del braccialetto. Da segnalare anche il tavolo finale Yuri Dzivielevski e Max Kruse. Il primo è un top player degli MTT online noto con il nick “theNERDguy” da tempo a suo agio in ogni specialità del poker anche live: secondo è un attaccante tedesco ormai diviso quasi equamente tra calcio e poker. Il payout del tavolo finale:

1° Maxx Coleman United States $127,809
2° Thomas Newton United States $78,997
3° Roland Israelashvili United States $53,828
4° Yuri Dzivielevski Brazil $37,379
5° Kenneth Po United States $26,464
6° Tomas Szwarcberg Mexico $19,108
7° Max Kruse Germany $14,078

Maxx Coleman

Event #30: Chino tra i 10 left nel 1k PLO 8-handed

Con l’eliminazione di Ryan Laplante in undicesima piazza si chiude il day 2 dell’Event #30 delle WSOP 2022, un 1.000$ PLO 8-handed, e si sancisce anche che avremo una prima volta: nessuno dei 10 left ha mai vinto un braccialetto. Ciò non significa che manchino i nomi interessanti, a partire dall’inesauribile Chino Rheem, uno sempre capace di far danni e risorgere dalle proprie ceneri. Lo statunitense, vincitore di 3 anelli WPT, non è tuttavia mai riuscito a primeggiare alle WSOP nonostante 4 tavoli finali, tra cui quello del Main Event 2008, rimasto nella storia poiché il primo rinviato a novembre.

Discreto anche il palmares del chipleader Weinman, uno da due titoli WPT e diversi braccialetti WSOP sfiorati, l’ultimo dei quali poco più di una settimana fa nel 1.500$ Stud. Questa la line up da cui verrà fuori il nome del vincitore:

1 Daniel Weinman United States 6,420,000
2 Eduardo Bernal Sanchez Colombia 4,940,000
3 Chino Rheem United States 4,855,000
4 Germandio Andoni United States 4,555,000
5 Jamey Hendrickson United States 4,495,000
6 Ruslan Dykshteyn United States 3,200,000
7 Ferenc Deak Hungary 2,850,000
8 Stephen Song United States 2,665,000
9 Oliver Weis Germany 1,610,000
10 Lautaro Guerra Spain 1,300,000

Event #32 1.500$ H.O.R.S.E.: Kruse ci riprova con Melara

Ben 773 i partecipanti a questo Event #32 delle WSOP 2022, un classico H.O.R.S.E. da 1.500 dollari di iscrizione. A fine giornata i left sono ancora 249, ma è abbastanza normale in un format tradizionalmente tecnico e lento come l’H.O.R.S.E.. Lontanissima è ancora la bolla, che scoppierà soltanto con l’eliminazione del 117° classificato. Per adesso in testa c’è l’emergente giapponese Tamon Nakamura, ben davanti al solito Kruse.

L’attaccante del Wolfsburg non vuol saperne di tornare in Germania senza un braccialetto e, dopo il settimo posto nell’event #29, ci riprova con un secondo posto parziale che promette davvero bene. Di seguito la top 10 ufficiale di fine day 1:

1 Tamon Nakamura Tokyo, , JP 311,000
2 Max Kruse Hamburg, , DE 224,000
3 Nathaniel Parenti NEW YORK, NY, US 206,500
4 John Fahmy Hopkinton, MA, US 203,500
5 Natascha Stamm Coker, AL, US 202,000
6 Robert Kearse LAS VEGAS, NV, US 196,500
7 Dzmitry Urbanovich Jurmala, , PL 189,000
8 Eric Rodawig Omaha, NE, US 180,500
9 Shirley Rosario DOWNEY, CA, US 172,000
10 Daniel Plonsker PARK CITY, UT, US 171,000

Da segnalare la presenza di un italiano ormai piuttosto costante, nei tornei di varianti alle WSOP: Maurizio Melara, attualmente 131° a 70.500.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

WSOP 2022 Event #31: Hellmuth cerca il 17° braccialetto in una parata di stelle

Attenzione, attenzione: Phil Hellmuth ha messo nel mirino il 17° braccialetto e sarà tra i più attesi nel final day dell’event #31, 10.000$ Limit Triple Draw Lowball Championship, pur non essendo nelle posizioni di testa. Come si vede, alla ripresa The Poker Brat partirà dall’ottava posizione:

1 Brian Hastings 1,365,000
2 Eric Wasserson 1,350,000
3 Marco Johnson 1,105,000
4 Jordan Siegel 725,000
5 Andrew Kelsall 540,000
6 Daniel Zack 535,000
7 Shaun Deeb 435,000
8 Phil Hellmuth 380,000
9 Yuval Bronshtein 280,000
10 Ali Eslami 170,000

Un tale parterre de rois fa di questo final day forse il più atteso e “coronato” di tutti, finora, alle WSOP 2022. A parte Hellmuth e la sua caccia al braccialetto numero 17 c’è un chipleader come Brian Hastings che cerca il titolo numero 6 così come Shaun Deeb mentre Zack, Johnson e Bronshtein sono alla ricerca del tris iridato. E non finisce qui, perché anche Andrew Kelsall vanta un braccialetto. Eric Wasserson e Ali Eslami sono due tra i migliori giocatori al mondo che ancora non hanno conquistato un WSOP bracelet, e anche Jordan Siegel è un discreto variantista. Insomma ci sarà assolutamente da divertirsi, in questa notte da 33 braccialetti.

Luigi D’Alterio (courtesy PokerNews & Rachel Kay Miller)

WSOP 2022: Sammartino KO, speranze azzurre su Luigi D’Alterio nel 6max

Dario Sammartino era tra i vip più in vista nell’event #33 delle WSOP 2022, un 3.000$ No Limit Hold’em 6-handed. Un torneo praticamente turbo, visti i 30 minuti per livello previsti nel day 1. Infatti il field si è tremendamente ristretto da 1348 entries a 55 player rimasti a fine day 1, tutti già premio (206 le posizioni itm). Non risulta tra i left né tra gli ITM proprio Sammartino, dopo una prima parte di torneo vissuta costantemente tra i migliori. Poi il campione napoletano perde un paio di piatti fondamentali e rimane con appena 10mila a ridosso della bolla, uscendo di lì a poco.

Out ma a premio il sempre più costante Piero Alioto (164° per 5.254$), le speranze italiane in questo torneo sono tutte sulle spalle di Luigi D’Alterio. “Il Giuglia” chiude una busta da 625mila fiches, che gli valgono la trentaseiesima piazza provvisoria su 55 left.

Questa è invece la top 10:

1 Nino Ullman DE 2,565,000
2 Rayan Chamas Dollard-Des-Ormeaux, QC, CA 2,500,000
3 Vanessa Kade Kelowna, BC, CA 2,290,000
4 Matthew Wantman STONEHAM, MA, US 2,170,000
5 Abbas Heidari DULUTH, GA, US 2,145,000
6 Viliyan Petleshkov Plovdiv, , BG 2,085,000
7 Dylan Linde Las Vegas, NV, US 1,910,000
8 Taylor Paur San Diego , CA, US 1,660,000
9 Joseph Antar Koolewong, , AT 1,650,000
10 Alexandre Moreau Villabe, , FR 1,540,000

Immagine di copertina: Phil Hellmuth (courtesy PokerNews & Rachel Kay Miller)

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".