Vai al contenuto
matteo calzoni testadidonna darksoulread

Matteo Calzoni, il vincitore dell’ultimo Sunday Special: “vi presento i grafici di TESTADIDONNA”

Matteo Calzoni ha portato il suo nickname “TESTADIDONNA” al primo posto dell’ultimo Sunday Special Half Price di PokerStars, dominando un field di 2.013 entries che hanno generato un montepremi di €90.585.

Un ottimo shot che non sfigura affatto nel palmares del grinder romano, ma nemmeno emerge in particolar modo, essendo il secondo Sunday Special vinto in carriera e il (forse) decimo final table raggiunto nello stesso torneo.

Se a questo aggiungiamo un po’ di risultati a cinque cifre in altri tornei, di cui il migliore al Giga-Stack solo cinque mesi fa, ecco come si crea un grafico in perenne salita, segno di skill decisamente superiori alla media.

Con tutti questi successi è decisamente curioso che non abbiamo mai presentato ufficialmente Matteo al pubblico di Assopoker, anche se lo abbiamo citato a più riprese nei nostri report MTT.

Questa ultima vittoria senza deal al Sunday Special è l’occasione giusta per rimediare e scambiare quattro chiacchiere con il ventinovenne romano. Buona lettura!

Intervista a Matteo Calzoni, aka ‘darksoulread’, aka ‘TESTADIDONNA’

Ciao Matteo e benvenuto su Assopoker! Cominciamo parlando della tua vittoria al Sunday Special, è il secondo che vinci? 

“Sì, è il secondo Sunday Special che vinco, anche se prima di shipparlo ho tribolato parecchio con diversi final table senza vittoria. Credo di essere circa al decimo tavolo finale con questo.

Ho cercato di giocare abbastanza low variance fino ai 30 left, poi ho iniziato ad aggredire parecchio. Al quarto open di fila (io ero in Middle Position 2) trovo lo shove del bottone per 29x effettivi, io AK con 54x (secondo nel chipcount, pot da chipleader) chiamo e l’avversario mi gira 33. Trovo subito l’asso al flop, ma un simpatico 3 al river ha provato a guastarmi la festa. Fortunatamente poi le cose sono andate bene lo stesso.

Lo spot decisivo però è stato 6 left. Da quarto di sei (24x) mi trovo sul BTN da unopened con gli assi, il chipleader è alla mia sinistra da Small Blind e shova ATo, il BB con 33x tank/calla JJ e io snappo da terzo AA. Board liscio e ‘gg’.”

È il momento della classica domanda: come hai iniziato a giocare a poker?

“Ho iniziato a giocare con gli amici da giovane mostrando già una certa predisposizione, facevamo partite amatoriali nei bagni della scuola giocandoci le sigarette. A 18 anni ho aperto un conto su Snai online. Il resto è storia…”

Online hai ottenuto splendidi risultati, ma giochi anche live? Quali sono i tuoi progetti futuri? 

“Live ho giocato pochissimo, nonostante mi sia sempre piaciuto. Ho intenzione infatti di iniziare a frequentare il circuito live con più regolarità già a partire da questa estate. Entro fine anno mi trasferirò a Malta per grindare il .com con il progetto di allargarmi anche sul settore della ristorazione.”

Usi il tuo amato nickname ‘DarkSoulRead’ ovunque, tranne su PokerStars. Come mai? 

“I miei account ‘DarkSoulRead’ sono solo su iPoker e Lottomatica, gli altri non appartengono a me. In realtà il mio primo nick fu ‘ultraviolenza’ su iPoker, poi creai ‘TESTADIDONNA’ su Stars, DarkSoulRead venne dopo.”

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Curiosando su Sharkscope, ‘TESTADIDONNA’ è il terzo account più vincente dell’anno, e i tuoi ‘DarkSoulRead’ hanno collezionato molte stelline,ma sembra che solo da pochi anni tu abbia cominciato a grindare più seriamente.

“No in realtà no, non ho mai né massato né tablato tanto rispetto ai miei colleghi, ho sempre preferito la qualità alla quantità. L’aumento di volume l’ho avuto nel 2020 con la quarantena, quel periodo ho missato davvero pochi giorni, ero sempre a cliccare.”

grafico matteo calzoni testadidonna darksoulread
Il grafico di Matteo tra PokerStars, iPoker e Lottomatica. Altri vecchi account non sono inclusi

Ormai sei sulla piazza da diverso tempo. In questi anni di grinding come è cambiato il field punto it? 

“Scuramente dal 2012 ad oggi son cambiate molte cose. In primis sono quasi del tutto spariti i giocatori occasionali, anche il neofita tra scuole di coaching e materiale reperibile online arriva mediamente più preparato alle sue prime partite rispetto ad anni fa.

Inoltre il gioco si è evoluto tantissimo, prima vinceva chi selectava meglio le starting hand, adesso i players più vincenti sono coloro che riescono a gestire meglio i range più pesanti (come negli spot bvb).”

Usciamo un po’ dal contesto poker: che altro fai nella vita? 

In generale ho l’hobby della scrittura e ho scritto le sceneggiature di due spettacoli teatrali. Sono cinefilo (ho una collezione di dvd gigantesca), e sono un collezionista in generale. Ho una delle collezioni di manga e videgiocochi più grande d’Italia.

Ci siamo fatti inviare delle foto della collezione, ma ce ne sono arrivate 25, un po’ troppe da inserire in un solo articolo!

Come attività remunerative invece, oltre al poker ho un negozio ebay, ed ora, come ti accennavo, essendo un habituè dei ristoranti ho intenzione di aprirne uno in Italia dopo che mi trasferirò a Malta. Nel tempo libero amo stare con gli amici, andare a mangiare fuori ed in generale divertirmi

 

COMPARAZIONE GIOCHI
Scrivo di poker da 10 anni, praticamente è l’unica cosa che ho fatto. Ho passato più tempo effettivo in un casinò che a casa e nonostante questo non riesco a battere il NL10. Spero di scrivere meglio di come gioco.