Vai al contenuto
Donald Trump

Billy Walters: “ecco come ho vinto $3,8 milioni alla roulette, Steve Wynn si è vendicato con Trump…”

Nel 1986, uno dei gamblers più famosi degli Stati Uniti, William Thurman Walters, per gli amici Billy, bussò alla porta di Atlantic City: “Toc! Toc! Ho due milioni di dollari, venerdì li depositerò nella cassaforte del casinò disposto a raddoppiare i suoi limiti di puntata alla roulette americana”.

A cadere nella trappola con tutte e due le scarpe fu lo squalo per eccellenza: Steve Wynn, uno degli uomini più influenti del pianeta (è stato fino a pochi anni fa responsabile della tesoreria del Partito Repubblicano USA), colui che ha trasformato Las Vegas con le sue visioni, introducendo i mega resort sulla Strip prima di vedersi soffiato il suo impero da sotto il naso per uno scandalo moltro grave.

Walters non si fece scrupoli nel 1986, ma le conseguenze le sta pagando ancora oggi.

Perché Steve Wynn accettò la sfida

I due si conoscevano molto bene e conoscevano punti di forza e debolezze l’uno dell’altro. Wynn sapeva tutto di Walters: sia le sue skills ai tavoli che la sua tendenza all’autodistruzione. Il buon Bill non era ancora l’uomo maturo e il gambler consapevole degli anni 2000, ovvero uno scommettitore/imprenditore del betting scafato capace di condizionare e manipolare i mercati delle scommesse (a suo vantaggio) nel Nord America e non solo a Las Vegas. Negli anni ’80 aveva qualche vizio (alzava un po’ troppo il gomito) e aveva la tendenza ad esagerare ai tavoli, alternando sessioni vincenti a altre disastrose.

Così Wynn, accettò la sfida, convinto nel lungo periodo di prendersi tutto dalle tasche di Walters, figuriamoci poi alla roulette americana.

I ruggenti anni ’80 e le roulette difettose

Negli anni ’80, nei casinò c’era la sottovalutazione/ignoranza di non considerare i difetti meccanici e tecnici delle ruote. Alcune erano difettose, pochissimi gamblers ne erano consapevoli e riuscivano a ottimizzare questo leak, altri ne avevano una vaga idea ma non riuscivano comunque a vincere. Stiamo parlando di imperfezioni minime che però, in un ciclo di giocate lungo, potevano essere rivelate delle sequenze anomale (in genere solo con i software).

I casinò continuavano a avere margini matematici che ritenevano sicuri, per una semplice ragione: vincevano e incassavano, mentre i gamblers perdevano sempre, soprattutto a Atlantic City, quando i ricchi “polli” di New York venivano a farsi spennare sul boardwalk nei ruggenti anni ’80 quando Regan fece decollare l’economia americana.

steve-wynn-donald-trump
Steve Wynn discute con Donald Trump (photo courtesy of New York Times)

La roulette incriminata al Golden Nugget di Atlantic City

Wynn accettò la sfida di Billy Walters: al tempo era proprietario del Golden Nugget, il casinò più prestigioso della città (faceva concorrenza all’amico-rivale Donald Trump, altro protagonista della storia che vi stiamo per raccontare).

Wynn accettò le condizioni del “bullo” Bill e la puntata massima fu fissata a 2mila dollari al colpo e non mille. Il potentissimo Steve però sottovalutò un aspetto che il suo antagonista sapeva: c’era una roulette al Golden Nugget che era difettata, aveva una certa inclinazione (uscivano con una certa frequenza alcuni numeri o la palla cadeva nei soliti settori con cadenza regolare o quasi).

La sessione folle da 40 ore di Billy Walters

Wynn e il suo staff già pregustavano l’ennesimo pollo arrosto ma a bruciarsi furono loro. Rien ne va plus. Bill distrusse il casinò che dopo 40 ore alzò bandiera bianca.

Lui e un socio scommisero su cinque numeri a ogni giro: 7, 10, 20, 27, 36. Ogni puntata gli costava 10.000 dollari (2.000 a numero) e potevano vincere al massimo 62.000 dollari. La sessione maratona si concluse in modo fantastico per loro con un profit da 3,8 milioni di dollari.

Per settimane al casinò cercarono di capire cosa fosse successo, ma non riuscirono a realizzare quale fosse il trucco o il problema. Qualcosa però non tornava e la rabbia di Wynn era tangibile per essere stato umiliato davanti a tutti. Non accettò quella sconfitta.

Steve era un pessimo perdente: gridò allo scandalo, al furto, accusò Walters di aver manomesso la ruota, ma quando due ingegneri della Nasa la esaminarono facendola a pezzi, non riscontrarono nessuna anomalia. Wynn fu costretto a pagare.

Dopo 37 anni, gli strascichi di questa storia ancora sono evidenti agli occhi di Walters che ha appena pubblicato la sua autobiografia.

Dovete sapere che Walters è diventato uno degli scommettitori di sport americani più vincenti della storia di Las Vegas, ma negli ultimi anni è finito nei guai per una torbida storia di insider trading (qui per approfondire).

E’ finito dietro le sbarre fino a quando (grazie alle sue amicizie molto influenti) l’ex Presidente Donald Trump, quando era ancora in carica, aveva promesso la grazia.

Comparazione offerte casino

Casinò Casinò
Quiz
Fino al 31 dic 2024
Trivia Live
Con Triva Live di Snai è possibile vincere due volte la settimana una parte del montepremi rispondendo a delle domande casuali
INFO

Il quiz "Vero o Falso?" si svolge ogni venerdì e martedì, offrendo partecipazione gratuita e presentazione dal vivo. È necessario possedere un conto gioco Snai per unirsi allo spettacolo. I partecipanti hanno l'opportunità di testare le proprie conoscenze, confrontarsi con altri giocatori e ottenere una quota del montepremi di oltre 1.800€ in bonus.

Il quiz si trova nel tavolo Big Quiz, accessibile ogni venerdì e martedì alle 22:00. Si può accedere attraverso il tab "Casino Live", selezionando la sezione principale e poi "Altri Giochi".

Il format del gioco consiste in una serie di domande a risposta chiusa (vero o falso), gestite da un conduttore in diretta. Ai partecipanti vengono concessi 10 secondi per rispondere a ogni domanda, guadagnando 100 punti per ogni risposta esatta. Accumulando un minimo di 700 punti, si ha diritto a una parte del montepremi di oltre 1.800€ in bonus, con accredito immediato.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

1.015€

15€ free + 100% fino a 1.000€

1.800€
Casinò Casinò
Free Spin
Fino al 31 dic 2024
Hello Monday
Questa iniziativa prevede, ogni lunedì, la possibilità di ottenere da 10 a 100 giri gratuiti a seguito di una ricarica minima di 20€
INFO

Questa iniziativa prevede, ogni lunedì, la possibilità di ottenere da 10 a 100 giri gratuiti a seguito di una ricarica minima di 20€, utilizzando un codice promozionale specifico. Tale opportunità è disponibile una volta alla settimana, precisamente ogni lunedì, entro i limiti temporali che vanno dalla mezzanotte fino alle 23:59 dello stesso giorno.

Valida fino al termine dell'anno solare del 31 dicembre 2024, questa iniziativa impone un deposito minimo settimanale, da effettuarsi tramite un codice promozionale designato. La ricarica qualificante consente l'accesso alle Free Spin, applicabili esclusivamente a una selezione di giochi predefiniti. La quantità di giri gratuiti ottenibili dipende dall'attività di gioco e dalle ricariche effettuate dal giocatore, con un limite massimo di vincita impostato per le Free Spin.

Le vincite accumulate tramite l'utilizzo delle Free Spin vengono convertite in un Bonus Casinò, soggetto a un requisito di puntata specifico, che deve essere soddisfatto entro 90 giorni dalla data di accredito. La conversione delle vincite in saldo prelevabile varia in funzione del gioco selezionato, in linea con i termini e le condizioni generali che governano l'iniziativa.

Le Free Spin assegnate devono essere utilizzate entro un periodo di 14 giorni dalla loro attivazione, sottolineando che l'uso di tali giri gratuiti non permette di concorrere per i jackpot progressivi disponibili su alcuni giochi. Queste condizioni si pongono come un framework entro cui si muove l'iniziativa, delineando le modalità attraverso cui viene strutturata l'offerta senza sollecitare direttamente alla partecipazione.

Sei già iscritto?

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

1.000€

20€ FREE + 100% fino a 1.000€

Da 10 a 100 Free Spin ogni lunedì
Casinò Casinò
Extra bonus
Fino al 30 giu 2024
Betway Turbo – 50% in Fun Bonus fino a 200€
La promozione Betway Turbo offre ai giocatori un bonus del 50% sui loro depositi, fino a un limite massimo di 200€
INFO

La promozione Betway Turbo offre ai giocatori un bonus del 50% sui loro depositi, fino a un limite massimo di 200€. Per partecipare, è essenziale richiedere il bonus sulla pagina 'Promozioni' cliccando 'Partecipa' prima di effettuare ogni deposito. Questo passaggio è necessario per ogni ricarica successiva, fino a raggiungere il tetto di 200€ di bonus.

Per accedere a questa offerta, è richiesto un deposito minimo di 10€. Solo i depositi fatti tramite carte di debito o credito, PostePay e Paypal sono validi per questa promozione; altri metodi di deposito non sono considerati idonei. Questa offerta non è cumulabile e rimane attiva ogni settimana da martedì a mercoledì.

Per ottenere il Fun Bonus, il giocatore deve scommettere l'importo depositato almeno una volta sulle Slot. È importante notare che alcune Slot, come specificato nella sezione 'Slot Escluse', non contribuiscono all'ottenimento di Bonus Progressivi. Inoltre, sono esclusi dalla promozione i giochi Jackpot, da Tavolo, il Casinò Live, i Virtuali e le Scommesse Sportive.

Da tenere presente che il Fun Bonus non è prelevabile e deve essere giocato 35 volte il suo valore prima che possa essere convertito in Bonus reale. Questo requisito di giocata garantisce che i fondi possano essere trasformati in bonus effettivamente utilizzabili.

Non sei iscritto?

BONUS DI BENVENUTO

1.500€ + 400 Free Spins

Bonus sino a 1.500€ + 400 Free Spins

200€
Compara tutte le offerte

Walters: “Wynn si è vendicato attraverso il presidente Trump…”

Nella sua autobiografia, uscita pochi giorni fa, Gambler: Secrets from a Life at Risk, Walters racconta la sua rivalità quasi quarantennale con il magnate dei casinò e come sia riuscito a sbancare il Golden Nugget nel 1986.

Al Las Vegas Review Journal ha lanciato un’accusa pesante: “c’è voluto molto tempo per capire che è stato Steve Wynn a bloccare il decreto presidenziale per la mia grazia. Mi è stato detto da più persone a cui credo e rispetto. Non ho dubbi che abbia bloccato quel provvedimento di Trump”.

Che sia stato Wynn non lo potremo sapere con certezza, ma che questa accusa non sia campata in aria è altrettanto vero: Steve Wynn è stato l’ex presidente della Commissione delle Finanze del partito Repubblicano, colui che – di fatto – ha raccolto i fondi per la campagna presidenziale di Donald Trump. Avrebbe potuto tranquillamente influenzare la decisione dell’ex inquilino della Casa Bianca.

Si narra delle amicizie strette di Wynn con politici di spicco, Procuratori federali e giudici. Era un personaggio ben introdotto nella Las Vegas repubblicana. Lo scandalo a luci rosse però l’ha travolto.

Nel 2017 c’è stata la condanna di Walters a 5 anni di detenzione per insider trading (un’operazione che gli era fruttato circa 25 milioni di dollari), nel 2018/19 si diffusero le voci di una grazia presidenziale da parte di Trump, in realtà il presidente nel suo ultimo giorno alla White House ha solo commutato la sua pena, ma la condanna è rimasta.

In pieno Covid19, a Billy è stato permesso di scontare il resto della sua pena agli arresti domiciliari. Perché Trump ha improvvisamente fatto marcia indietro?

Walters nel suo libro non ha dubbi: “Wynn ha esercitato un’influenza schiacciante nei confronti dell’impegno del Presidente Trump di rimanere alla Casa Bianca, così come sui miei sforzi per ottenere la Grazia”.

Ha scritto che Wynn si sarebbe vantato, secondo alcuni testimoni, di aver bloccato la sua grazia durante un meeting repubblicano per la raccolta fondi a Sun Valley nel febbraio 2018. Erano presenti molti esponenti di spicco del Grand Old Party (GOP).

Il tabloid inglese Daily Mail ha provato a contattare un portavoce di Steve Wynn per ottenere un commento sulle accuse di Walters, ma il tentativo è caduto nel vuoto.

Su Assopoker puoi trovare la guida informativa e comparativa per i migliori casinò online e una comparazione dei bonus casino di benvenuto e i bonus casino senza deposito.

BONUS CASINO SENZA DEPOSITO
20€ dopo registrazione e convalida del documento
15€ dopo registrazione e convalida del documento
50 Free Spins dopo registrazione e convalida del documento
200€ in Fun Bonus alla convalida del documento

Walters: “Come sono riuscito a vincere 3,8 milioni, vi spiego tutto”

Per Walters il grande “scazzo” con Wynn è avvenuto proprio nel 1986 per la mega vincita. Lui – nel libro – definisce la roulette “un gioco per idioti” ma negli anni ’80 rimase incuriosito dal concetto di “usura percepita” della ruota.

Comprò una rulla da 4.000 dollari e la smontò pezzo per pezzo nel soggiorno della sua casa, scoprendo quali parti sarebbero state soggette a usura con il tempo. Dopo migliaia di giri, alcune ruote (almeno una volta) avrebbero potuto sviluppare delle piccole imperfezioni secondo alcuni gamblers e – dal loro punto di vista – questi leaks potenzialmente avrebbero fruttato soldi.

Walters non è l’unico nella storia del gambling che l’ha fatto, anche se oggi le roulette prevedono molti più ostacoli fisici e variabili che rendono il gioco molto imprevedibile. Quindi se negli anni ’80 forse tali teorie potevano anche essere “realistiche” oggi risulta molto più difficile immaginarlo.

Walters spiega che ingaggiò diversi piccoli gamblers per raccogliere dati sulle roulette di diversi casinò. Quei dati furono – in un secondo momento – inseriti in un database che venne elaborato da un software che rilevava le variazioni rispetto ai risultati casuali attesi.

Nel libro racconta che prima del colpo al Wynn, nello stesso anno (1986) vinse 2 milioni di dollari a un tavolo di roulette del Casinò Caesars a Lake Tahoe.

Rispetto alla storia originaria sul colpo al Golden Nuggets emerge un dettaglio non da poco nella sua biografia: Walters spiega che tra lui e Wynn ci fosse un legame di amicizia prima del fattaccio. Giocavano insieme a golf. Steve si sentì tradito.

Walters racconta di un Wynn furioso dopo la sessione vincente di 40 ore:
“Steve Wynn non ha preso di buon occhio la perdita di 3,8 milioni di dollari a favore del suo compagno di golf. Questo episodio segnò un’aspra faida con lui che dura ancora oggi”.

Cosa fa Steve Wynn oggi

Il boss di Las Vegas ha 81 anni e vive in Florida. Si è dovuto dimettere dal guidare il suo impero nel febbraio 2018 dopo che il Wall Street Journal ha pubblicato diverse accuse di sue ex impiegate che sono state vittime presunte di molestie o aggressioni nei suoi hotel da parte sua.

Dopo questo scandalo è stato costretto a cedere le azioni della sua società, ha lasciato il consiglio di amministrazione e si è dimesso dalla carica di presidente delle finanze del Comitato nazionale repubblicano.

Wynn – nei tribunali – ha respinto e negato gli episodi di cui è accusato. Un mese fa ha accettato una multa da 10 milioni di dollari con la Gambling Commission del Nevada per chiudere la sua battaglia legale con le autorità locali di Las Vegas e mettere la parola fine nel suo rapporto con l’industria del gioco d’azzardo.

Billy Walters: cosa fa oggi

Dopo il 1986, Walters non ha più giocato alla roulette ed ha dedicato la sua vita alla sua società di investimento nel betting, affermando di aver guadagnato dai 50 ai 60 milioni di dollari all’anno con le scommesse sportive. Ma stiamo parlando di un vero investitore professionista non di un giocatore d’azzardo. Nel 2017 però la condanna per insider trading ha decretato l’inizio della sua fase calante. Ma stiamo parlando di uno degli scommettitori più vincenti della storia del betting statunitense.

Billy Walters
Billy Walters prima di essere processato per Insider trading

Giocate in modo responsabile

La vicenda di Billy Walters non deve farvi perdere di vista che quando parliamo di gioco d’azzardo parliamo comunque di una attività che richiede la massima serietà e responsabilità. Billy Walters è ed è stato uno scommettitore professionista con alle spalle una struttura e consulenti esperti di betting. Ha una sua società con decine di persone che lavorano alle sue dipendenze. E’ un approccio molto professionale non al gambling ma a forme di investimento molto complesse. Per questo vi invito a non farvi fuorviare da questa storia e di interpretarla con equilibrio. Stiamo parlando di un imprenditore consapevole e non di un giocatore d’azzardo, almeno negli ultimi anni.

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.