Gioco legale e responsabile

casino · News

A Las Vegas i casinò fanno una clamorosa retromarcia sulle mascherine

Tre sale da gioco di Las Vegas hanno deciso, dopo 3 settimane, di ritornare alle mascherine obbligatorie per i propri dipendenti. Altri casinò sono disposti a fare retromarcia.

Scritto da
22/07/2021 17:03

620


Non è oro tutto quel che luccica, anche nella città delle luci.: a Las Vegas, già tre casinò hanno deciso di fare un bel passo indietro riguardo le misure di sicurezza anti Covid9.

the-venetian-las-vegas

The Venetian è uno dei casinò più iconici di Las Vegas (photo courtesy of Pokernews)

Las Vegas: i tre casinò che hanno fatto marcia indietro

Le sale che hanno dato nuove disposizioni ai propri lavoratori sono: Westgate, The Venetian e Las Vegas Sands. Queste le prime conferme ma ci risulta che altri casinò siano intenzionati a percorrere la medesima strada (anche per evitare responsabilità verso i propri impiegati).

Gli hotel-resort del Nevada hanno fatto di tutto per mettersi alle spalle il “ricordo” scomodo della pandemia, facendo sparire a tempo di record – mentre la campagna vaccinale negli USA procedeva spedita – mascherine e vetri divisori ai tavoli in plexiglas.

A noi è sembrato fin da subito un azzardo, un All in in piena regola. D’altronde siamo nella capitale occidentale del gambling.

Las Vegas: cosa è cambiato dall’1 luglio

Le sale da gioco, dall’1 luglio, lavorano nel pieno delle loro capacità, sfruttando ogni spazio ed angolo, senza alcuna limitazione o cap per la clientela. Sono però passate più di 3 settimane e gli scenari sembrano cambiare di nuovo.

Notizia di ieri è che i tre casinò hanno chiesto ai propri dipendenti di tornare alle vecchie abitudini, ovvero indossare la mascherina (anche ai vaccinati).

Nelle ultime 24 ore, negli States, i casi positivi giornalieri sono stati 52.000 (il giorno prima 42.000, il 18 luglio 12.000) con 333 decessi quotidiani.

Evidentemente anche in Nevada i casi sono in aumento.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Ci risulta che la situazione anche per il poker live (gioco nel quale i players stanno a stretto contatto) non sia sicura al 100%, proprio perché in molti non utilizzano le mascherine.

La raccomandazione del Distretto sanitario del Nevada meridionale

Non a caso, il distretto sanitario statale, venerdì scorso, ha raccomandato a tutte le persone (a prescindere se siano state vaccinate o meno) di indossare di nuovo le maschere protettive in ambienti pubblici come negozi, centri commerciali e casinò. Non si tratta di un obbligo ma di un semplice consiglio.

Ed alcuni casinò non hanno esitato a dare disposizioni ai propri dipendenti per farli lavorare in sicurezza.

Virginia Valentine, presidente della Nevada Resort Association, ha affermato che le linee guida del distretto sanitario sono state “un importante promemoria del fatto che le maschere sono efficaci nel ridurre la diffusione”.

Ricordiamo che le varie restrizioni statali riguardo i casinò, sono decadute a maggio. Da luglio la competenza su queste decisioni è stata delegata alle contee. E la Contea di Clark ha disposto una vera e propria de-regulation per le sale da gioco e gli hotel di Las Vegas.