Vai al contenuto

Poker online high stakes: Patrik Antonius si rilancia

Per Patrik Antonius il bello sembra iniziare adessoPotrebbe trattarsi del definitivo giro di boa, per Patrik Antonius: il finlandese nella notte ha saputo regolare tanto Ilari “Ziigmund” Sahamies quanto Phil “OMGClayAiken” Galfond, chiudendo la sessione con un profitto di 332.000 dollari.

Se quindi il “Durrrr Challenge” è stato un’autentica disfatta – con due milioni di dollari persi ai tavoli, a cui vanno aggiunti i 500.000 $ che fanno parte della scommessa – il 2010 assume ad oggi tutto un altro sapore, visto come era iniziato.

Infatti, al contrario di quanto accaduto nel 2009, quest’anno Patrik Antonius ha fatto molta fatica, arrivando ad accumulare nell’arco del 2010 anche pesanti passivi che solitamente non gli competono. Tuttavia, dopo aver toccato un baratro di oltre tre milioni di dollari in rosso, il finlandese ha saputo ritrovare lo smalto di un tempo, e adesso è in attivo di poco meno di un milione.

La cronaca recente ci dice che quest’ultima impennata è andata in scena tanto ai tavoli di Pot Limit Omaha quanto a quelli di mixed games, dove all’ex istruttore di tennis sono bastate appena 600 mani giocate per mettere in chiaro le cose.

Questi risultati ci portano a pensare che, fatte salvo oscillazioni fisiologiche di questi livelli, Patrik Antonius possa aver ritrovato il bandolo di una matassa che pareva essersi fatta per lui davvero intricata. Il prossimo obiettivo, pertanto, sarà quello di recuperare attraverso il grinding l’ingente somma persa contro Tom Dwan.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Una volta che il finlandese fosse in grado di fare anche questo, e certamente il pro di Full Tilt Poker è in grado di riuscirci, si tratterebbe di una rimonta assolutamente straordinaria, che verrebbe sminuita solo dall’immagine di un giocatore che ha fatto dell’eccezionale il suo standard.

D’altra parte, con Gus Hansen tornato a recitare la parte del donatore di lusso ai tavoli di cash game high stakes, dopo un avvio dell’anno illusoriamente promettente, Patrik Antonius pare finalmente pronto a occupare nuovamente la posizione che gli spetta: Tom “durrrr” Dwan appare irraggiungibile, ma alle sue spalle tutto può ancora accadere.