Gioco legale e responsabile

Cash Game

Polk-Negreanu, ecco come Doug è riuscito a prendere il largo

La sfida Polk-Negreanu continua: dopo aver perso la prima sessione dal vivo, Doug si è rifatto nelle due successive giocate online, dove ha dominato.

Scritto da
12/11/2020 10:30

1.799


Le ultime due sessioni della sfida Polk-Negreanu hanno sorriso al primo. Il Kid Poker era partito col piede giusto, dimostrando di essere a proprio agio in un contesto a lui più congeniale come quello del poker live.

Online, invece, la musica per il momento cambia. Doug Polk, specialista degli heads-up multi-table, sta facendo valere la sua maggiore abitudine al gioco virtuale e nel giro di un paio di giornate di gioco ha raccolto quasi 400.000 dollari.

Una mano dal Day 2

Già nella prima sessione online di Polk-Negreanu, Doug era riuscito a mettere il naso avanti. Il canadese era partito meglio, ma il primo all-in sostanzioso se l’è aggiudicato il suo avversario.

Su flop 6 2 4 , Negreanu ha puntato $6.210 dopo aver controrilanciato a $4.140 pre-flop sul raise d’apertura di Polk a $910. Call del pro player americano e 10 al turn, dove stavolta Daniel ha fatto check.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Doug ha puntato $6.830 per vedere Negreanu andare all-in con J 9 . Snap-call di Polk con 6 4 e un inutile A al river ha concesso al fenomeno dell’online un piatto da $92.000.

Polk-Negreanu, il Day 3

La terza sessione della sfida Polk-Negreanu è durata 382 mani ed ha visto il primo chiudere nuovamente con un profitto sostanzioso di 166.239 dollari.

Doug è partito subito aggressivo, provando un bluff con 10 9 su board 7 J 9 Q 4 , ma Danielino non poteva mollare facilmente una mano forte come una doppia coppia, formata grazie al suo Q 9 .

Ad un certo punto, Daniel Negreanu si è trovato in attivo di circa 55.000 dollari, ma Polk ha iniziato una lenta ed inesorabile rimonta, fino al piattone capitato nell’ultima mezz’ora di gioco.

 

Polk-Negreanu

 

Le due mani decisive

Dopo un raise pre-flop di Polk, Negreanu ha fatto check-call su board K 7 3 ad una piccola bet del suo avversario, che invece è andato in overbet sul 8 del turn. Al river, un 5 , Negreanu ha fatto check per la terza volta, ma qui Polk ha mandato la vasca per $41.000 su piatto da $13.000.

Il Kid Poker ci ha pensato un po’ prima di chiamare con K 5 , mano non sufficiente perché il suo avversario aveva K 7 per la doppia coppia.

La leadership di Doug si è estesa in un doppio piatto giocato in contemporanea su due tavoli. Nel primo, Negreanu ha puntato due volte dopo aver piazzato una three-bet su board 5 9 A 2 , ma dopo la seconda bet Polk ha controrilanciato il piatto. Call del canadese e doppio check sul 10 al river. Polk ha mostrato K J , pronto a concedere il piatto, ma anche Negreanu non aveva niente: il suo combo draw K 4 gli è costato caro.

Sull’altro tavolo, Doug ha vinto un piatto da $23.000 puntando $3.131 su pot da $4.674 giunto al river. Il board, 5 10 4 7 9 ha spinto Negreanu a rilanciare a $9.463, ma il suo avversario è stato bravo ad annusare il bluff, chiamando con K 10 per vedere il suo opponent soccombere con K 6 .

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento