Vai al contenuto

WPT Bellagio Day 1

E’ stato bello tornare al Bellagio. E’ stata una settimana molto impegnativa per me tra il trasloco di alcune cose e l’organizzarsi in tempo per il torneo. La casa gia’ sembra diversa e il “piece de resistance” dovrebbe essere terminato entro domani (www.fullswinggolf.com).

Sono andato da un chiropratico per la mia schiena l’altro giorno. Me l’ha fatta scroccare e mi ha detto di andarci piano per un paio di giorni in modo da far sì che possa guarire. Mi fa ancora un po’ male, ma in effetti va tutto bene finchè non tocco le palle da golf.

Dunque, alcuni di voi saranno probabilmente molto stanchi di leggere pesanti blog con contenuti di non poker, così torniamo a parlare della mia giornata di gioco. Al mio tavolo ho riconosciuto due facce: Bernard Lee e Blair Rodman. Un tavolo ricco di “ragazzi bianchi più vecchi” che nel mondo attuale del poker deve esser visto come una buona cosa. Non che non siano bravi, ma certamente non fanno parte dello stampo dei giovani fenomeni dell’online che possono causarti un sacco di problemi.

Non ho giocato una mano nel primo livello e poi durante il secondo si è verificata la seguente:

“un ragazzo bianco più vecchio” limpa, Blair limpa ed il bottone punta 425. Io ho spillato AK dallo small blind, ho pensato di re-raisare dato che non credevo che il bottone fosse così forte. Invece poi ho deciso di giocare in maniera più “sicura” e ho solo chiamato, così come han fatto gli altri giocatori.

Il flop è stato: K 8 5 rainbow. Ho checkkato e mi han seguito tutti. Al turn è sceso un 10 così da aprire la strada ad un progetto di colore. Ho puntato 1.100 e il ragazzo bianco ha messo 3.000 (tutti gli altri hanno foldato). La situazione mi ha preoccupato perchè non avevo ancora nessuna lettura di questo ragazzo. Sentivo che c’era una buona chance che avesse KQ o qualcosa di simile e che stesse provando a difendere la sua mano – ed ho chiamato.

Al river è sceso un 6 ed ho checkkato di nuovo. Questa volta ha puntato 3.500 e non sono riuscito a foldare la mano. Sembrava che nonostante il fatto che la sua mano apparisse come un set di dieci, ci fossero altre mani che potesse avere e che io potessi battere. Ho chiamato aspettandomi di vedere un set di dieci ed ha girato un set di otto. Il colpo mi ha fatto scendere a 7.000, ma fortunatamente questo è un torneo deep stack quindi non mi sono affatto trovato in pericolo.

La seconda mano che ho giocato è stata contro un “ragazzo bianco più vecchio” diverso. Ha raisato da under the gun, il bottone ha chiamato e io ho chiamato con 4-4 dallo small blind. Il flop è stato: j j 5 ed ho checkkato. Il raiser iniziale ha overbettato il piatto uscendo con 1.500 quando a terra c’erano solo 900 chips. Il bottone ha foldato e io ho sentito che era una buona opportunità per rappresentare un jack e mi è parso evidente che questo ragazzo avesse AA o KK ed ho chiamato.

Turn: 2 ed ho sparato 2.800 con l’intenzione di bluffare ancora di più se al river fosse sceso una carta a fiori o se avessi avuto la sensazione che poteva funzionare. Il ragazzo ha chiamato. River: 9 e ho smesso di bluffare. Lui ha puntato 5.000. Dopo questo piatto sono sceso a 17.000 circa.

Sono riuscito a risalire a 30.000 con la seguente mano:

Un ragazzo ha messo 500, io ho chiamato dallo small blind con K-K ed ha chiamato anche il big blind. Il flop è stato: j 9 2 , io ho fatto check raise al raiser iniziale che ha puntato 1.200. Ho raisato a 3.600 e lui ha chiamato. Ero sicuro di essere sopra e avrei messo tutte le mie chips al flop se avesse raisato. Al turn è sceso il 9 e a questo punto ho continuato a pensare che avesse davvero pochi outs perchè io avevo in mano il K di picche.

Ho esitato un momento considerando di puntare, ma non volevo spaventarlo così ho checkkato per indurlo a chiamare al river. Lui ha checkkato.

Il river è stato un 6 e io rapidamente ho sparato 4200. Lui ha chiamato e mi ha riportato a 30.000, quota che ho mantenuto per tutta la giornata, con la punta massima a 44.800.

Odio parlare di “bad beat” ma credo necessario condividere i due più grandi piatti che ho giocato oggi:

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Beat 1: un ragazzo ha messo 800, Bernard Lee ha chiamato, io ho chiamato dal bottone con QJ. Flop: J – 7 – 2 rainbow, checkkato da tutti. Turn: 10, check dei miei avversari e allora ho puntato 2.000. Il primo raiser ha chiamato, ho pensato che avesse centrato un progetto, e Bernard è andato all in di 5.000 in più. Ci ho pensato per un minuto, ho ritenuto che non potesse checkkare due volte nella stessa situazione con una mano forte, specialmente con un simile scary board e nessun interesse da parte mia mostrato al flop. Ho chiamato ed ha girato A-T. Al river è sceso l’asso.

Beat 2: tre mani alla fine della giornata e Blair Rodman va all in di 7.000 il che sembrava un tentativo disperato per ottenere o chips in più per domani o per prendersi la giornata libera per andare a giocare a golf. Ho chiamato dal bottone con J-J e lui ha mostrato A-5. Il flop A-A-T mi ha praticamente ucciso.

Considerato il fatto che non ho vinto molti piatti, che non mi sembra di aver fatto molti errori (eccetto per la mano del 4-4) terminare la giornata sulle 30.000 mi pare un inizio entusiasmante. Ho chiuso a 32.775.

Ho usato alcuni trucchi imparati di recente dal gioco online. Nel mio libro li chiamo “dead money grabs” ed oggi mi sono concentrato sui miei tentativi di bluff pre-flop. Ho aggiunto alcune armi al mio arsenale e credo possano essere molto efficaci, specialmente durante quei momenti in cui pare non riesca ad avere una mano. Inoltre ho continuato con le mie letture, come nella seguente mano che è successa in serata: ho raisato con q j ed un ragazzo bianco tight ha messo 3.500.

Ho chiamato i 2.000 immaginando avesse una mano come A-A, viste le sue tendenze e la dimensione del raise. Il flop è stato Q 7 6 con un cuore. Ho checkato e lui ha puntato 3.500. Pensavo ancora di essere dietro ma il prezzo per eliminarlo e prendermi tutto il suo stack era appropriato, per cui ho deciso di chiamare. Al turn è sceso un 8, ho fatto check e lui ha puntato 5.000. L’ho guardato e gli ho detto: “E’ alquanto coraggioso puntare con AA su un simile board”. Ho foldato mostrandogli la donna e lui mi ha mostrato AA, il che non è stata una sorpresa per me.

Dato che è ancora presto penso mi eserciterò per un paio di ore giocando online su PokerStars. Non giocherò moltissimo e probabilmente non farò multi-tabling. Mi potrete trovare ai giochi limit più alti o forse al 25$50$ no limit. Giocare a limit hold’em aiuta il mio gioco no limit più che giocare al no limit. So che non ha senso, ma credetemi, è esattamente ciò che serve a me. Sono cresciuto con il gioco limit e credo sia il più importante indicatore per dirmi se sono in zona oppure no.

 

Thanks to: FULLCONTACTPOKER

MIGLIORA IL TUO POKER CON I NOSTRI CONSIGLI