Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

La differenza sta tutta nell’attaccare il Big Blind “giusto”

Giocare un torneo, live oppure online non fa tutta questa differenza, vive di piccole finezze, tra cui quella di attaccare il Big Blind. Ma attenzione, il nostro pane quotidiano sarà la sua attitudine a difendere con un range ampio e il suo stack

Scritto da
19/02/2021 17:56

662


Big Blind

Big Blind

L’investimento sul giusto Big Blind

Dopo aver giocato a una serie di tornei che siano essi dal vivo, anche se ormai sembrano solo un lontano ricordo, oppure online , spesso ci facciamo la stessa domanda: “Come fanno i giocatori che fanno ripetutamente deep run, a vincere più di quella che dovrebbe essere la loro giusta quota di chip?

La risposta a questa domanda è che se la cavano aprendo un numero di mani più elevato della frequenza di apertura del giocatore che vince la quota giusta e molto di più di quella di chi apre molto meno della media.

Ma come fanno a trasformarla in equity? Osserva il Big Blind e il suo stack

Spesso leggiamo pezzi di analisi pokeristica che ci mettono in guardia dall’aprire troppe mani. 

Questo consiglio è progettato per mantenere i tuoi range abbastanza forti da resistere agli attacchi dei buoni giocatori.

Ma cosa succede se non stai giocando contro buoni giocatori? Se non sono in grado di attaccare efficacemente le tue aperture, non c’è motivo di stringere il range.

In poche parole, se stai giocando contro giocatori deboli, più mani giochi e più mani dovresti vincere.

La prima linea di difesa sono i giocatori che hanno posizione su di te. Se riesci a batterli, il giocatore nel big blind è quindi il principale pericolo per impedire alla tua run di trasformarsi in equity al tavolo. 

Il grande buio dovrebbe essere il tuo obiettivo principale.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Nelle partite a bassa posta in gioco, gli small stakes, il big blind è il giocatore che devi attaccare maggiormente, se in lui riconosci l’elemento debole del tavolo. 

Ecco come sono riuscito a rubare più piatti di quanti avrei dovuto permettermi, quando ho capito che i giocatori dietro di me erano deboli.

Prima linea di difesa: i giocatori in posizione

I giocatori con posizione su di me sono la prima linea di difesa che mi impedisce di aprire troppe mani. 

Ce ne sono di più quando apro da early position, quindi concentro i miei sforzi su late e middle position. 

Se sto aprendo più della mia giusta quota di mani, questi giocatori dovrebbero three-bettare spesso contro di me preflop e, ancora più spesso, bluff-raisare postflop.

Nelle partite small stakes, questi giocatori in posizione sono molto più propensi a chiamare che a three-bettare. 

Questo può essere un problema se sono competenti nel postflop, ma fortunatamente la maggior parte di loro non lo è quando parliamo di questo tipo di partite. 

Spesso si limitano a callare o, ancora più spesso, a foldare.

Il passo successivo è che il loro call preflop attira il call del big blind con  un range incredibilmente ampio. 

Se il giocatore in posizione passa alla mia continuation bet e il big blind chiama con il suo range che sarà comunque molto largo, avrà difficoltà a difendere turn e river.

Ed è qui è dove guadagno i miei soldi, o almeno dove i giocatori sopra la media dovrebbero guadagnarli. 

Seconda linea di difesa: il giocatore nel big blind

In queste partite con piccole puntate, la maggior parte dei miei avversari chiamerà puntate al river troppo spesso quando non costa loro l’intero stack per farlo. 

Per questo motivo, allargo i miei range di apertura solo quando gli stack sono tali da poterli mettere all in al river. 

Trovo che questo sia il caso in cui gli stack sono compresi tra 25 e 50 big blind.

Se i giocatori in posizione non stanno difendendo in modo efficace e il big blind ha questa dimensione dello stack, apro un range molto loose fino agli one gapper medi offsuit (ad esempio J-9, 7-9 off) e two gapper suited, (ad esempio J-8 o Q-9 suited) fintanto che ho uno stack di dimensioni simili che pone loro una vera minaccia. 

Mi piacciono queste mani semi-connectors perché spesso flop e turn offrono equity che aumenta la frequenza con cui le mie scommesse funzionano in relazione ai range di chiamata dei flatters e del Big Blind.

Generalmente, i giocatori small stakes nel big blind chiamano preflop e al flop con un range molto ampio e commettono errori di fold al turn e al river una volta che si rendono conto che la loro mano è troppo debole per giocarsi per l’intero stack.

La differenza tra prima e dopo

In passato pensavo di foldare le mie mani marginali in questi casi per preservare la fold equity preflop e utilizzarla 3bettando contro i raisers aggressivi nei livelli successivi. 

Ora, al contrario, mi sono convinto che voglio aprire con una frequenza maggiore e usare il mio stack per avere un buon vantaggio  postflop nel momento in cui decido di farlo.

pokerstars big blind

L’approccio postflop mi permette di giocare il mio range non cappato in posizione, contro il range ampio e limitato fuori posizione del big blind. 

Ogni strada presenta una nuova opportunità per forzare un suo fold. 

Se vuole giocare per gli stack, probabilmente rilancerà e mi darà l’opportunità di passare e preservare il mio stack per un altro tentativo successivo. 

Quando decide di chiamare, limita ulteriormente il suo range, il che aumenta la mia fold equity nelle street successive.

Conclusione

Tieni presente che questa strategia dipende fortemente dal fatto che i tuoi avversari siano prevedibilmente passivi. 

Essa è limitata da frequenti three-bets preflop, rilanci in bluff postflop e trappole con doppia coppia o punti superiori. 

Questa strategia non funzionerà se sarai alle prese regolarmente con queste giocate da parte dei tuoi avversari a fortunatamente, ci sono molti tornei a puntate ridotte in cui non è così.

Attaccare frequentemente giocatori con stack medio nel big blind, mi ha portato a vincere molti piatti medio-piccoli senza showdown. 

Questo mantiene il mio stack a galla mentre i bui aumentano durante il torneo, invece di essere costretti in modalità shove-or-fold in attesa di mani vere.

Inoltre, se sono abbastanza fortunato da raddoppiare quando finalmente ho una mano reale, lo faccio da uno stack medio-grande invece che da uno stack medio-piccolo. 

Questo mi mette nella posizione di vincere il torneo invece di sopravvivere abbastanza a lungo per piantare la solita, poco importante, bandierina da min cash.