Gioco legale e responsabile

Betting · Business

WSOP punta forte sul crossover tra poker e scommesse: come è cambiato il Rio Casino

Come sono stati trasformati il Rio Casinò ed in centro congressi dell'hotel per favorire il flusso delle scommesse sportive durante le WSOP: Perché Las Vegas punta tutto sul betting in questo momento storico.

Scritto da
04/10/2021 15:03

460


Negli Stati Uniti c’è una nuova corsa all’oro: le multinazionali del gambling e dei casinò di Las Vegas, scottate dal Covid19 e con la legalizzazione delle scommesse, stanno andando all in nel betting. Le WSOP – in corso –  lo dimostrano.

rio-las-vegas

Il Rio di Las Vegas rimane lontano dalla Strip (photo courtesy of Pokernews)

Caesars punta tutto sulle scommesse con l’acquisto di William Hill US

Caesars Entertainment (da non confondersi con la parente stretta Caesars Interactive proprietaria delle WSOP) gestisce il Rio Casino (per conto di un altro hotel) ed ha acquistato lo storico bookmaker britannico William Hill per 2,9 miliardi di dollari ed ha ceduto l’asset europeo a 888, rafforzando invece la rete di betting shops negli Stati Uniti di Hill U.S.

L’anno scorso ha tenuto banco la quotazione in borsa del bookmaker e leader dei fantasy Games DraftKings con il coinvolgimento dei più importanti fondi d’investimento di Wall Street (George Soros in prima liena) e di personaggi ricchi e famosi come Michael Jordan e la modella brasiliana Giselle Bundchen (moglie di Tom Brady) che è diventata Special Advisor dell’azienda.

Nelle ultime settimane DraftKings ha provato a scalare Entain (Ladbrokes, Bwin, Coral Eurobet, Partypoker) per 22 miliardi di dollari, ma l’offerta – per il momento – è stata rispedita al mittente. E’ proabile un rilancio.

Flutter (Betfair, PaddyPower e PokerStars) negli States punta tutto sulla rivale di DraftKings: FanDuel, altro brand di riferimento da quelle parti per le scommesse e i fantasy.

Oltre a Caesars Entertainment, la concorrente MGM ha creato una joint-venure proprio con Entain ed opera con il brand MGMBet nei principali casinò di Atlatic City e di Las Vegas.

Las Vegas spinge forte sul betting durante le WSOP

Il vento anche in Nevada è cambiato. Lo Stato fino a due anni fa era l’unica location possibile nella quale era possibile accettare scommesse sugli eventi sportivi (oltre a qualche ippodromo sparso negli USA).

Anche a Las Vegas si sta vivendo la febbre dell’oro del betting. Durante le World Series of Poker, il cambiamento è stato tangibile.

La storica sala da ballo del samba Miranda Room del Rio Casino, durante le WSOP è sempre stata destinata ad ospitare tavoli da poker, ma è sempre rimasta ai margini. Quest’anno, la collega Haley Hintze di poker.org ha svelato che la room è stata trasformata in una esclusiva lounge per le scommesse sportive.

WSOP 2021: l’importanza strategica del Caesars Sportsbook Lounge

Non a caso Miranda Room si trova accanto al “WSOP Cafe” che offre anche pasti ai pokeristi durante le pause.

E’ chiaro il tentativo da parte di Caesars di voler favorire il cross-over con il betting.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

La grande novità dell’anno è il “Caesars Sportsbook Lounge” che – dal punto di vista del business – rappresenta una delle storie più importanti di queste WSOP.

Il direttore di Caesars Entertainment Gregory Chochon ha confermato a poker.org dell’importanza del Caesars Sportsbook Lounge come parte integrante dell’esperienza WSOP.

Il direttore si è soffermato sul fatto che quest’anno, rispetto al periodo estivo, si può contare sull’NFL che catalizza l’attenzione di centinaia di scommettitori all’interno delle sale del Rio.

I players possono rilassarsi e sedersi nel lounge, guardare le partite con gli amici e fare le loro scommesse, vicino alle stanze dove si sta giocando. Idem per il calcio e gli altri sport.

Le strategie WSOP tra presente e futuro

Miranda Room era ai margini del programma WSOP per la sua scarsa attitudine ad ospitare eventi di poker: “ai giocatori non piaceva molto – afferma Chochon – invece per il betting è la location ideale. Inoltre contiamo a novembre di ospitare sportivi famosi. Sarebbe fantastico”.

Questa soluzione sembra l’ideale per i pokeristi. Il bookmaker tradizionale del Rio rimane parecchio lontano dall’azione di poker, quasi un quarto di miglio dai tavoli delle WSOP.

Per il Rio sarà quasi certamente l’ultimo anno. Dalla prossima stagione le World Series saranno ospitate per la prima volta sulla Strip, al Planet Hollywood e/o al Bally’s,. Caesars sta già organizzando una location perfetta per i poker players che vogliono, nelle pause, seguire lo sport.

Tag: