Gioco legale e responsabile

WSOP 2021

WSOP 2021 UP & DOWN: c’è solo un re a Las Vegas, male Negreanu, Flip & Go bocciato!

Chi sono i protagonisti delle WSOP 2021? Proviamo a scoprire nei primi giorni chi ha tenuto banco al Rio Casinò. Gli UP and Down dei campionati mondiali di poker.

Scritto da
11/10/2021 18:30

1.193


10 giorni di WSOP 2021 ed è tempo di primi bilanci provvisori (molto provvisori). Nella prima settimana e mezza il protagonista assoluto è stato Phil Hellmuth.

Questa rubrica non ha la pretesa di giudicare nessuno, sono tutti grandi campioni con un bagaglio di esperienza alle spalle enorme. E’ l’occasione solo per valutare e pesare i risultati dei poker players che stanno disputando queste WSOP, i vari swings della competizione, in un arco di tempo brevissimo per qualsiasi torneista.

Daniel Negreanu WSOP 2021

Daniel Negreanu e Jason Koon (photo courtesy of Pokernews and Hayley Hochstetler)

WSOP 2021: Phil Hellmuth UP!

Poker Brat ha giocato molti tornei (pochi NLHE) ma in 11 giorni è riuscito a collezionare 3 final table e 4 ITM. Mentre scriviamo è in corsa per il titolo del Seven Card Stud Championship che mette in palio un primo premio da $182.872 e soprattutto ben 933.80 punti per il WSOP POY 2021. Phil c’è sempre.

Ha iniziato con il piede giusto le World Series con un sesto posto nell’high roller $25.000 H.O.R.S.E. per oltre $95.000 ed ha marcato visita nel final table di un Championshp, l’Omaha Hi-Lo (quinto per $80.894).

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

E’ sempre più focalizzato nelle varianti alla ricerca del 16esimo bracciale.

Attendiamo per domani l’esito del Seven Card Stud Championship per capire quante posizioni riuscirà a raccogliere nella leaderboard del Player of Year. Oggi è 17esimo con 852 punti, il final table di domani potrebbe fargli fare un bel balzo in avanti. Bilancio, fino ad oggi, buono.

 

WSOP 2021: Daniel Negreanu DOWN!

Lo potrebbero chiamare Daniel “prezzemolino”: è presente in quasi tutti i tornei, il canadese ha speso molto e cn scarsi risultati, essendo il POY la sua ossessione da tempo. Le WSOP sono appena iniziate ed ogni giudizio è sospeso ma il piatto piange lo stesso. I primi 10 giorni sono stati da incubo, con un solo in the money nel $25.000 H.O.R.S.E. per un decimo posto da $46.002. Per fortuna le World Series sono lunghe e la strategia di fare massa e grindare molti tornei alla fine potrebbe essere quella vincente, ad iniziare dal Mix Omaha event nel quale parte nel day 2 dalla 21esima posizione. Negreanu ha le spalle larghe.

 

WSOP 2021: Jason Koon UP!

Primo braccialetto in carriera in un evento prestigioso e durissimo come l’Heads-up No Limit Championship (quest’anno con buy-in da $25.000) grazie ad una rimonta che rimarrà nella storia di questo torneo. E’ riuscito ad incassare ben $243,981 e prendersi la testa sia della leaderbord POY generale che di quella del POY NO limits.

Jason è uno dei grinder mtt più forti della storia e sta vivendo un momento caldo.

E’ – in parallelo – protagonista anche nelle WSOP online con due piazzamenti pesanti un sesto nell’event 1 No limit freezeout (con un fild super) e un nono nell’event online 6. La partenza è super.

 

WSOP 2021: Mustapha Kanit UP!

Prima settimana ai campionati del mondo e subito un final table nell’High Roller No Limit da $25.000. Un quinto posto che vale $216.842. Se il buon giorno si vede dal mattino… La sua impresa ha risvegliato l’Italia pokeristica, per tutte le considerazioni fatte vi invito a leggere l’ editoriale che la redazione di Assopoker ha preparato per l’occasione, inutile ripetersi. Bravo Musta!

 

WSOP 2021: organizzazione UP!

Organizzare i campionati del Mondo con una pandemia in corso non è da tutti ma a Las Vegas hanno il “vizietto” di voler sempre stupire. Il programma sembrava molto ambizioso, impegnativo ed invece (facciamo gli scongiuri) non ci sono stati, fino ad oggi, incidenti di percorso. Tutto fila liscio ed il merito è di Caesars e del team WSOP. Per il momento il voto è 8 per il coraggio e l’organizzazione, anche perché non era facile imporre l’obbligo vaccinale ma ci sono riusciti ed è stata una scelta pragmatica. D’altronde era l’unico modo per salvare le WSOP 2021, considerando le imposizioni di Biden e del Governo federale per gli eventi pubblici.

Un voto in meno solo per il problema dei dealer, ma queste problematiche riguardano tutti i casinò e hotel di Las Vegas nel post Pandemia (in questo reportage spieghiamo le ragioni) e non solo. Alla fine la mossa di chiudere le poker rooms di altri due casinò di Caesars si è rivelata vitale per concentrare tutto il personale del poker sulle WSOP.

 

WSOP 2021: torneo Flip and Go DOWN!

Ci battiamo per sdoganare il poker come uno skill game e veniamo raggiunti da un pizzico di sconforto nel vedere, ai campionati del mondo, una struttura di un torneo (l’evento 20) che si avvicina a quella di una tombola vera.

Nel primo turno il format è quello del Pinnaple: nella prima mano vengono servite 3 carte, il giocatore ne scarta una e si va tutti all in diretti. Al tavolo sopravvive solo un player. Qui puoi trovare la struttura ufficiale.

E’ un torneo da $1.000 di buy-in e si possono fare vari re-entry. Dal secondo turno invece si gioca normalmente con le regole tradizionali del NLHE. Un evento simile si era già visto all’EPT Sochi con il Crazy Pinnacle Shootout.

In questo contesto, il nostro giudizio non può che essere negativo: chi vince il torneo può vantare un titolo mondiale…. Svaluta il valore dei braaccialetti e lo spirito del gioco del poker.

Tag: